Nurse24.it
scrivi una email per avere maggiori informazioni

piemonte

Piemonte: mancano 4.000 infermieri, si ricorre agli interinali

di Massimo Canorro

Gli infermieri di questi tempi? “Merce” assai rara. Chiamati dalle graduatorie sia a tempo determinato sia indeterminato, a replicare sono pochi. E al concorso per 80 infermieri, hanno risposto in tre. Tutto questo a svantaggio del servizio erogato. Intanto gli ospedali ravvisano difficoltà a causa dei sanitari no vax.

Piemonte: mancano infermieri per sostituire personale non vaccinato

Vengo anch’io? Sì, tu sì. Quantomeno è questa la risposta che la direzione amministrativa della Città della Salute a Torino pensava di ascoltare dagli infermieri di cui è alla disperata ricerca. Motivo: sostituire il personale non vaccinato e che, pertanto, è impossibilitato a lavorare (seppure la denuncia della Fnopi, in questo senso, è cristallina: in Italia ci sono sanitari no vax che continuano a lavorare) . Ma la replica, da parte di molti professionisti sanitari, è assai diversa: No, grazie, non veniamo. Numeri alla mano, sono oltre cento nei quattro ospedali della super azienda – ovvero Molinette, Sant’Anna, Regina Margherita e Cto – i lavoratori non vaccinati (non solo infermieri, ma anche oss e tecnici), seppur questi numeri stiano lentamente scemando. Ma le cifre più rilevanti si registrano proprio tra i professionisti sanitari, circa 60, mentre 40 sono gli oss restii a immunizzarsi.

Il problema è strutturale, pluriennale di carenza di infermieri nel Sistema sanitario nazionale. È una mancanza complessiva di figure per tutti i servizi.

In Piemonte mancano 4.000 infermieri

Le difficoltà, però, non concernono solo le assunzioni a tempo determinato (laddove il “no” può apparire anche comprensibile in un frangente nel quale la mobilità fa la voce grossa) ma anche quelle a tempo indeterminato. Per il presidente del Collegio infermieri di Torino, Massimo Sciretti, in Piemonte mancano 4.000 infermieri su un totale di 24.000 dipendenti assunti a tempo indeterminato. E in ogni caso il problema della carenza di professionisti sanitari – in questo senso non fanno difetto i lavoratori delle Rsa – è a monte, come ha spiegato il vicepresidente di Uneba, Fabio Toso, nel corso di una videointervista a Nurse24.it: Il problema è strutturale, pluriennale di carenza di infermieri nel Sistema sanitario nazionale. È una mancanza complessiva di figure per tutti i servizi.

Parole, queste che – seppur indirettamente – vengono riprese dal direttore generale della Città della Salute, Giovanni La Valle: Abbiamo attinto alla graduatoria a tempo determinato e a rispondere sono stati soltanto tre infermieri su un elenco di ottanta. Anche guardare alla graduatoria a tempo indeterminato non ha prodotto grandi risultati seppur se la ricerca è stata condotta sia in Piemonte sia nelle vicine regioni. Da fuori non ha risposto nessuno, da Biella finora hanno risposto due o tre persone.

E ancora, pure l’avviso di mobilità non ha dato i frutti sperati: le aziende dove lavorano i sanitari disponibili allo spostamento sono restie a lasciarli andare e non è da escludere che, anche in questo caso, la ricerca si concluda con numeri risibili. Più di un professionista potrebbe giungere a gennaio 2022, ma ad ogni modo tardi nel caso in cui alla necessità di sostituire i no vax dovesse aggiungersi un incremento dei contagi e un aumento dei ricoveri.

E proprio in merito alla sostituzione dei sanitari non vaccinati (parliamo sempre di numeri non definitivi e altri potrebbero incorrere nelle sospensioni), La Valle non cela la propria preoccupazione: Se si prosegue in questo modo non escludo che ci potrebbero essere dei problemi. Ma faremo ricorso agli interinali e auspichiamo di risolvere. Decisamente meno ottimista la Cgil: Urge intervenire con tutti i mezzi possibili per trovare il personale che serve. Si doveva ascoltare di più il sindacato che insisteva sulle assunzioni già mesi fa, quando forse sarebbe stato più semplice trovare persone.

Commento (0)