Nurse24.it
scopri i vantaggi della convenzione

Attualità Infermieri

Sanzionato per il riposo, la collega scrive alla Lorenzin

di Leila Ben Salah

Vi ricordate la storia dell’infermiere sessantenne di Ancona raggiunto da un provvedimento disciplinare perché si era rifiutato di andare al lavoro dopo aver coperto 16 ore nell’arco di 24? Adesso in suo soccorso arriva una collega di Osimo (Ancona) che scrive direttamente al ministro.

Infermiere sanzionato per il diritto al riposo, la collega scrive al ministro

sala operatoria

Ad essere sanzionato era stato un infermiere di sala operatoria

A mettersi davanti al pc per scrivere l’email è stata Elsa Frogioni, infermiera del blocco operatorio dell’ospedale di Osimo. Il collega – scrive l’infermiera – con uno stato di servizio esemplare, dovrà rispondere e discolparsi per aver tutelato la sua salute e quella degli assistiti. Il fatto contestato all’azienda riguarda il diritto al riposo.

Elsa scrive nel dettaglio la vicenda, raccontando per filo e per segno tutto quello che è successo. Poi si chiede: È nostro il dovere di garantire al cittadino l’esito delle prestazioni sanitarie, ma in quali condizioni?.

Nel 2014 – continua - fonte Mef, gli operatori sanitari sono in maggioranza donne, il 65% della forza di lavoro totale. Donne stanche, perché le risorse umane sono diminuite notevolmente, dal 2007 al 2014 il taglio totale è stato di 19mila unità a fronte di un progressivo costante aumento della popolazione anziana con necessità di cure e assistenza.

I nostri carichi di lavoro sono accresciuti, i nostri diritti sottratti

Oggi gli operatori sanitari che lavorano nei blocchi operatori cumulano mediamente circa 180-200 ore/anno di straordinario lavorato in pronta disponibilità attiva conclude l’infermiera.

Giornalista

Commento (0)