Nurse24.it

Professionisti della salute

Violenza verso sanitari: istituito l'osservatorio nazionale

di Giada Martemucci

Arriva in Gazzetta Ufficiale con la firma del Ministro della Salute Roberto Speranza, il Decreto che istituisce l’Osservatorio Nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie. Un ulteriore passo che il Governo fa per affrontare il grave problema delle violenze contro i sanitari, problema annoso ma esacerbato dalla pandemia.

Istituito l’Osservatorio nazionale per il contrasto alla violenza verso i sanitari

Nell'ultimo anno sono state quotidiane le aggressioni nei confronti dei sanitari

La pubblicazione in Gazzetta del Decreto del Ministro della Salute di istituzione dell’Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie, è un tassello fondamentale per il contrasto alla violenza sugli operatori di cui gli infermieri sono le prime vittime: l’89% ha subito violenze fisiche e/o verbali nella sua attività quotidiana dichiara Barbara Mangiacavalli, presidente Fnopi.

Il recente rapporto Inail ricorda infatti che sono 5mila le aggressioni, ogni anno, subite dagli infermieri italiani, circa 13/14 al giorno. E nel 58% dei casi si è trattato di un’aggressione fisica. Ancora una volta ad essere più colpite sono le donne che rappresentano il 78% degli infermieri – complessivamente oltre 456 mila – e sono oltre 180 mila quelle che hanno subito un’aggressione nella loro vita. In 100 mila casi si è trattato di aggressioni fisiche.

L’ufficializzazione attraverso pubblicazione e firma del Decreto da parte del Ministro della Salute, il Ministro degli Interni e dell’Economia e Finanze è un ulteriore passo che il Governo fa per affrontare il grave problema delle violenze contro i sanitari, problema annoso ma esacerbato dalla pandemia. Nel corso dell’ultimo anno, sono state quasi quotidiane le notizie di aggressioni ai danni del personale sanitario, non ultima la vicenda accaduta a Roma che ha visto protagonista un’infermiera aggredita con calci alla testa da un paziente novax.

Commento (0)