Nurse24.it

infermieri

Carbone, Ipasvi Napoli: Dobbiamo investire nei posti di lavoro

di Redazione

Se oggi in Campania e nel resto del Sud c’è una sanità da serie B - afferma Ciro Carbone, presidente Ipasvi Napoli – è per via dei commissariamenti, un’esperienza fallimentare. A guidare la salute non possono esserci dei ragionieri, ci vogliono persone che assumano su loro stesse la responsabilità delle scelte ed è giunto il momento di mobilitarsi per il lavoro.

Troppi disoccupati e precari in Campania, si investa nel lavoro

Nove anni di commissari hanno fatto retrocedere a fanalino di coda la sanità della Campania. Nove anni di commissariamento hanno disarticolato il territorio e tagliato 15 mila posti di lavoro nella sola sanità, di cui circa un terzo a carico degli infermieri.

Questo il bilancio evidenziato in un editoriale su NapoliSana Campania da Ciro Carbone, presidente del Collegio Ipasvi di Napoli.

Dove mancano gli infermieri si guarisce meno e più tardi. Dove mancano gli infermieri sono a rischio i livelli essenziali di assistenza

Di un sistema sanità che vede la Campania all’ultimo posto per i livelli essenziali di assistenza, Carbone sottolinea la necessità di ripresa, che deve per forza passare dalle assunzioni di personale.

È tempo di mobilitarsi per il lavoro. Perché dove mancano gli infermieri sono a rischio i livelli essenziali di assistenza; la qualità delle prestazioni; le liste d’attesa si allungano; i reparti si accorpano o semplicemente chiudono (…) Dove mancano gli infermieri c’è più disoccupazione, soprattutto tra i giovani che per lavorare sono costretti a lasciare le famiglie per andare all’estero.

Dove mancano gli infermieri – aggiunge Carbone - la professione subisce un crollo, perché turni massacranti e riposi sempre più ridotti rendono quasi impossibile l’aggiornamento e la riqualificazione professionale.

Inutile pretendere di migliorare l’assistenza ai cittadini, se il personale infermieristico è in drammatico sottonumero. Si tratta di sforzi inutili, perché, dati alla mano, dove mancano gli infermieri si guarisce di meno e più tardi, senza infermieri i servizi stentano.

Ecco allora che i Collegi Ipasvi della Campania lanciano una campagna per l’occupazione che servirà non solo ai giovani infermieri disoccupati, precari, emigranti. Ma servirà per dare sostanza e corpo a quel patto infermiere/cittadino cui siamo vincolati e ispirati da sempre.

Commento (0)