Nurse24.it
scrivi una email per avere maggiori informazioni

FNOPI

Servono più infermieri per l'assistenza a lungo termine

di Redazione

L'indagine 2022 di Italia Longeva sulla mappa delle fragilità in Italia ha calcolato che l'assistenza domiciliare integrata (Adi) per gli over 65 è erogata mediamente al 2,9% di pazienti a domicilio. E le cure residenziali (RSA) registrano una forte differenza regionale: rispetto a una media del 2,3% di over 65 istituzionalizzati, si va dal 7,64% di Trento allo 0,23% della Campania.

Indagine Italia Longeva, Fnopi: cambiamento parta da formazione infermieri

Nell'Adi - spiega Maurizio Zega, consigliere nazionale della Federazione nazionale ordini professioni infermieristiche (Fnopi), intervenuto alla tavola rotonda su PNRR e DM 77 - gli infermieri impegnano circa il quadruplo delle ore per paziente rispetto alle altre professioni, sono altrettanto rilevanti e presenti nelle reti di cure palliative (sempre a domicilio), ma lo saranno ancora di più con l'infermiere di famiglia e comunità, in modo massiccio e tale da rispettare la previsione del 10% almeno di over 65 assistiti a casa prevista nel PNRR e indicata nel DM 77 che ridisegna l'assistenza sul territorio.

Ma gli infermieri necessari a garantire gli standard che il decreto prevede non ci sono. Una carenza nota e annunciata anche solo considerando standard medi - continua Zega - ma che tuttavia non si riuscirà a colmare nel breve-medio periodo, a meno di non modificare il paradigma dell'assistenza territoriale. Una carenza numerica che è anche frutto di una crisi di iscrizioni ai corsi di laurea, tanto che per la prima volta negli ultimi venti anni si laureeranno meno di 10mila infermieri.

È un problema di attrattività della professione - prosegue il consigliere nazionale Fnopi - perché l'infermieristica si è appiattita su modelli organizzativi assistenziali per i quali la laurea triennale ha omologato tutti allo stesso livello e la formazione specialistica ancora non è partita. Quindi oggi i giovani non scelgono questa laurea perché sanno che la nostra è una professione che non ha uno sviluppo di carriera, specie in ambito clinico, dove sono decisive le specializzazioni.

Quello che deve cambiare, secondo Maurizio Zega, è il modello attuale di assistenza, con un cambio di paradigma che preveda la creazione di una rete sanitaria territoriale capillare dove tutte le professioni, a partire dai medici di medicina generale e dagli infermieri, sono essenziali, così come la loro capacità di lavorare in team.

Nel nuovo modello, l'infermiere non è di 'aiuto' al medico, ma semmai in partnership con tutti i professionisti della salute. Una interprofessionalità tra chi si occupa della diagnosi e della prescrizione della terapia e chi si occupa dell'assistenza, della qualità della vita dei pazienti e della verifica che la terapia sia aderente alle necessità cliniche la cui necessità è confermata proprio dalla mappa della fragilità che Italia Longeva ha disegnato.

La ricetta Fnopi è chiara: riformare il percorso di formazione degli infermieri con maggiori organici e specializzazioni; cambiare rotta sugli interventi terapeutici grazie all'ampliamento delle competenze; gestire e coordinare processi assistenziali anche attraverso nuovi strumenti di tele-assistenza e soprattutto assistenza infermieristica territoriale, con il potenziamento e la diffusione a livello nazionale del ruolo dell'infermiere di famiglia e di comunità.

Commento (0)