Nurse24.it

infermieri

Cura, persona, impegno: La carta etica Aislec

di Sara Di Santo

Ciò in cui crediamo costituisce la base del nostro agire e trapela in ogni comportamento. Da questo assunto prende vita la carta etica di AISLeC, Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee; un documento che ne presenta i valori fondanti e che ora trova nuova vita anche in un video.

Aislec: In una carta etica tutto il mondo del Wound care e non solo

È una carta etica a guidare l’agire dei membri di AISLeC, l’Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee, frutto di un intenso lavoro di confronto e presentata per la prima volta nella sua versione video a Matera, in occasione della IV° giornata di studio AISLeC del 18 novembre 2017.   

Un documento che esprime in modo più libero, ma al contempo più forte rispetto a quanto potrebbe fare un codice deontologico, il senso di appartenenza ad un gruppo multidisciplinare di professionisti con un unico obiettivo: quello di fornire una cura specifica, senza dimenticare né trascurare mai la globalità della persona.

Perché per AISLeC non può e non deve esserci distinzione tra curare ed aver cura; la cura è della persona, non solo della malattia o della lesione.

Cura, accountability, coraggio della conoscenza.

E poi ancora: riconoscimento, considerazione e indipendenza

Sono queste le parole chiave dalle quali si declina l’agire professionale di AISLeC, fatto di conoscenza, tempo ed esperienza.

Di decisioni consapevoli, di indipendenza e collaborazione. Di cambiamento, coraggio e impegno.

Di difficoltà tramutate in occasioni. Occasioni di apprendimento e di miglioramento dell’assistenza.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)