Nurse24.it

infermieri

Tirocini per chi è già iscritto all'albo? L'Ipasvi non ci sta

di Redazione

Tirocini extracurricolari? No, sfruttamento vero e proprio. E l’Ipasvi non ci sta, tanto che prende carta e penna e scrive una lettera di protesta al Miur.

No ai tirocini extracurricolari per gli infermieri

tirocinio infermieristico

Studenti infermieri durante il tirocinio

Barbara Mangiacavalli ha scritto al ministero dell’Istruzione perché prenda una posizione in merito alla questione dei tirocini extracurricolari chiesti agli infermieri.

La Federazione nazionale, sollecitata dagli Ipasvi provinciali, infatti ha chiesto un parere all’avvocato Paolo Occhiena, professore ordinario di diritto amministrativo all’Università degli studi di Sassari. Ebbene, il professore parla chiaro: gli infermieri non possono essere chiamati a svolgere tirocini extracurricolari e quindi lavorare di fatto senza essere pagati.

Non è provato che per gli infermieri sia necessario un periodo formativo ulteriore rispetto a quello universitario – spiega il professore -. Inoltre, gli infermieri per conseguire un titolo universitario abilitante debbono già svolgere un tirocinio, durante gli anni di formazione universitaria, e per svolgere la professione debbono essere iscritti al relativo albo professionale.

Perciò, continua il docente di diritto, posto che la formazione rilevante è stata assicurata e assorbita dal percorso universitario, è necessario evitare duplicazioni sostanziali di analoghe offerte formative.

Quindi, conclude la presidente Ipasvi Barbara Mangiacavalli nella lettera inviata al Miur, serve una presa di posizione netta e chiara che offra un parere che possa confermare l’interpretazione per la quale la scelta di attivare tirocini extracurriculari per infermieri già iscritti agli albi, e quindi già perfettamente abilitati a svolgere la professione, sia da considerarsi illegittima.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)