Nurse24.it

Operatore Socio Sanitario

Napoli, Oss sedava anziani per rubare le loro fedi

di Massimo Canorro

Ha somministrato sedativi a due anziani ricoverati all’ospedale dei Pellegrini per rubare loro le fedi nuziali: per questo un operatore socio-sanitario di 39 anni è stato sospeso dal servizio e allontanato dall’Asl Napoli 1 Centro. La denuncia giunge dal consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli: Non c’è giustificazione che tenga. E nei confronti delle testate che avevano attribuito l’ignobile furto a un infermiere, l’Opi Napoli interviene con durezza.

A Napoli furto di fedi da parte di un operatore socio sanitario

Per molti giornalisti tutto quanto non è medico in sanità riguarda gli infermieri. Finisce così che se un importante quotidiano incorre in questo grave errore, tutti gli altri copiano, incollano e ripetono l’errore. Come viene chiaramente scritto nell’articolo, a rubare le fedi ai due anziani è stato un operatore socio-sanitario. La polizia, con indagini lampo, è riuscita ad individuare il colpevole in meno di 24 ore, incastrato in maniera inequivocabile dalle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza dell’ospedale. L’Asl conferma che l’autore del furto, un 39enne dipendente di una cooperativa sociale, è stato immediatamente sospeso dal servizio e allontanato dall’ospedale. È la nota diffusa da Opi Napoli in merito alla vicenda che ha visto vittime due anziani ricoverati presso l’ospedale dei Pellegrini di Napoli ai quali un operatore socio-sanitario – e non un infermiere, come erroneamente riportato da alcuni organi di informazione – ha somministrato sedativi per rubargli le fede nuziali. Ragione per cui l’Oss, 39 anni, in servizio presso la struttura del centro città, è stato sospeso dal servizio e allontanato dall’Asl Napoli 1 Centro.

La denuncia giunge dal consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, che ha immediatamente riferito l’accaduto non solo alla direzione dell’Azienda sanitaria locale, ma anche alle forze dell’ordine. E proprio la Polizia di Stato, per merito delle immagini delle telecamere di videosorveglianza collocate in ospedale, è riuscita a stretto giro a individuare il responsabile. Così Borrelli (che è in contatto con i vertici dell’Asl Napoli 1 Centro, nelle cui competenze rientra l’ospedale dei Pellegrini) sulla sua pagina Facebook: L’Asl conferma che l’autore del furto, un 39enne dipendente di una cooperativa sociale, è stato immediatamente sospeso dal servizio e allontanato dall'ospedale. Quindi il consigliere regionale aggiunge: Purtroppo non è la prima volta che ascoltiamo storie di questo tipo, proprio noi di Europa Verde avevamo raccolto alcune denunce da parte dei cittadini che avevano subito furti mentre erano ricoverati al “Pellegrini” e altri ospedali. Le nostre segnalazioni, assieme alle denunce, hanno fatto scattare una commissione interna all’Asl che sta verificando le denunce e segnalazioni per individuare eventuali altri ladruncoli che si aggirano nei nosocomi.

Borrelli ritiene necessario adottare il pugno di ferro contro questi soggetti che si sono resi protagonisti di un furto davvero ignobile, ovvero derubare poveri malati ricoverati nei reparti di un ospedale, luoghi dove i cittadini dovrebbero sentirsi protetti e non alla mercé di ladruncoli da quattro soldi peggio ancora se sono dipendenti pubblici. Infine, il consigliere regionale di Europa Verde: In questa vicenda andremo fino in fondo e ai processi che seguiranno sia l’Asl che la Regione Campania dovranno rivalersi in tutti i modi possibili previsti dalla legge. Contro questi delinquenti non c’è giustificazione che tenga e dovranno pagare per tutti i reati commessi.

Commento (0)