Nurse24.it

Concorso OSS

Liguria: maxi concorso OSS, il 27 aprile la prova scritta

di Massimo Canorro

Annullata dal Tar con sentenza confermata in Consiglio di Stato nonostante il ricorso dell’agenzia sanitaria regionale della Liguria, sarà ripetuta il 27 aprile 2022 la prima prova del concorso indetto da Alisa per l’assunzione a tempo indeterminato di 274 operatori socio-sanitari. Rimane complicata la situazione di 120 Oss in Coopservice al servizio dell’Asl spezzina: i sindacati, infatti, hanno reso noto che l’azienda intende aprire la procedura di licenziamento collettivo.

In Liguria, concorso per l’assunzione di Oss a tempo indeterminato

In Liguria, il 27 aprile ci sarà la prova scritta del maxi concorso per Oss bandito da Alisa

Dopo le tante proteste e un anno in standby, giunge il bis per la prova scritta del maxi concorso bandito dall’Azienda ligure sanitaria che prevede l’assunzione di 274 Oss a tempo indeterminato: la ripetizione dello scritto è fissata mercoledì 27 aprile. La prova, che si era svolta lo scorso 12 maggio, era stata annullata in seguito all’esito del ricorso al Tar – quindi il Consiglio di Stato aveva respinto il successivo ricorso di Alisa (accogliendo le richieste di alcuni candidati non ammessi alla prova pratica, i quali sostenevano che il foglio fornito dalla commissione d’esame, per formulare le risposte ai quesiti – oggetto di valutazione mediante la lettura ottica – fosse inidoneo ad assicurare l’assoluta sicurezza della genuinità dell’elaborato).

La prova pratica del 27 aprile – scrivono i responsabili di Alisa in una nota – si svolgerà in due sessioni (quella mattutina dalle 8 e quella pomeridiana dalle 14) presso il palazzo Rds Stadium Fiumara in Lungomare Canepa n.155 a Genova. Sono oltre 2400 le convocazioni partite in queste ore. Chi supererà la prova scritta sarà convocato alla prova orale che sarà programmata al termine delle valutazioni della prova pratica. Da parte sua, il presidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria, Giovanni Toti, spiega: Stiamo portando avanti un programma di assunzioni in campo sanitario che non si vedeva da anni. Oltre alla stabilizzazione dei medici che hanno lavorato durante la pandemia e i 159 oss della Asl5, si aggiunge questo concorso, sempre per contratti a tempo indeterminato. A maggio è poi previsto il concorsone per 700 infermieri. Il governatore Toti parla di un percorso virtuoso che migliorerà la vita di tanti lavoratori e garantirà anche un servizio superiore ai cittadini, grazie a una maggiore copertura all’interno delle strutture sanitarie.

La Spezia: 120 Oss rischiano il licenziamento collettivo

Desta però preoccupazione la situazione di 120 lavoratori in Coopservice al servizio dell’Asl spezzina: Fp Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti Uil, infatti, hanno comunicato l’intenzione dell’azienda di aprire la procedura per il licenziamento collettivo per 120 unità, poiché la proroga dell’appalto terminerà il 31 maggio 2022. I 120 lavoratori, per anni impiegati presso le strutture sanitarie, erano stati scartati nel concorso di Asl5 e pertanto dalla possibilità di assunzione da parte dell’ente pubblico.

Secondo i sindacati sarebbe sufficiente incrementare il fabbisogno degli oss, come peraltro riconosciuto da Regione Liguria, e dare attuazione all’emendamento Rossomando per garantire continuità occupazionale nella nostra Asl a tutti gli attuali lavoratori di Coopservice. È stato proclamato lo stato di agitazione dell’intero personale Oss di Coopservice. In merito alla vicenda si è espresso il consigliere regionale Davide Natale (Pd), vicepresidente della commissione Sanità: Si conosce il numero di operatori sociosanitari che mancano, per assicurare un servizio sufficiente alla sanità spezzina: tra 60 e 80 secondo i vertici di Asl5 e Alisa. Esiste uno strumento, l’emendamento Rossomando, che permetterebbe di internalizzare una parte del personale, oggi impiegato in appalto in Asl5. Non si capisce perché, di fronte a tutto questo, la giunta regionale ligure continui ad ignorare l’allarme dei lavoratori di Coopservice, tra cui in 120 rischiano il licenziamento.

Commento (0)