Nurse24.it
Iscriviti ai webinar di B. Braun

ginecologia

Metodi contraccettivi

di Corradino Ignelzi

La contraccezione consiste in una serie di tecniche utilizzate per programmare o impedire una gravidanza. Le caratteristiche principali della contraccezione è che sia efficace, sicura (con una buona capacità di tollerabilità) e reversibile col ripristino della fertilità dopo la sospensione. Rispettate queste caratteristiche il metodo contraccettivo migliore è quello che si adatta meglio alle proprie esigenze e al proprio stile di vita. Il metodo contraccettivo può essere scelto in base alla sua azione: ormonale o di barriera, ad esempio.

Metodo contraccettivo più adatto, conoscerli per scegliere il più adatto

Esistono metodi contraccettivi di barriera e ormonali

Ogni metodo contraccettivo ha il suo grado di fallimento; l’unico sicuro rimane l’astinenza, mentre il preservativo è quello con le migliori caratteristiche di protezione - non totali - verso le malattie sessualmente trasmesse.

Si possono utilizzare anche più metodi contraccettivi contemporaneamente per aumentare la loro efficacia, ma facendo attenzione alla loro interazione (es.: sì spermicida + metodo di barriera; non utilizzare 2 metodi ormonali).

Metodi contraccettivi di tipo ormonale

Il metodo ormonale impedisce l’ovulazione. In base al sistema di somministrazione possiamo avere:

Pillola estro-progestinica

La pillola estro-progestinica, agisce mediante rilascio di estrogeno e progestinico:

  • la assume la donna
  • è molto efficace
  • viene prescritta dal medico (in alcuni casi è controindicata) il quale deve essere consultato in caso di effetti collaterali indesiderati (che dovrebbero scomparire dopo i primi mesi), assunzione di altri farmaci, interventi chirurgici e prima della partenza per lunghi viaggi
  • viene assunta per bocca a partire dal primo giorno della mestruazione per 21, 22 o 28 giorni in base al tipo di pillola, tutti i giorni alla stessa ora
  • è indicata nelle adolescenti
  • la sua assunzione irregolare ne vanifica l’efficacia
  • è rapidamente reversibile senza influenzare la fertilità

Pillola progestinica

La pillola progestinica, agisce mediante rilascio di progestinico:

  • la assume la donna
  • è molto efficace
  • viene prescritta dal medico (in alcuni casi è controindicata) il quale deve essere consultato in caso di effetti collaterali, indesiderati (che dovrebbero scomparire dopo i primi tre mesi), assunzione di altri farmaci, interventi chirurgici e prima della partenza per lunghi viaggi
  • viene assunta per bocca a partire dal primo giorno della mestruazione per tutti i giorni alla stessa ora
  • può essere utilizzata nelle adolescenti
  • la sua assunzione irregolare ne vanifica l’efficacia
  • è rapidamente reversibile senza influenzare la fertilità.

Cerotto transdermico

Il cerotto a rilascio transdermico, applicato sulla cute rilascia in circolo un’associazione di estrogeno e progestinico:

  • lo applica la donna
  • è molto efficace
  • viene prescritto dal medico (in alcuni casi è controindicato), il quale deve essere consultato in caso di effetti collaterali, indesiderati (che dovrebbero scomparire dopo i primi due-tre mesi), assunzione di altri farmaci, interventi chirurgici e prima della partenza per lunghi viaggi
  • viene applicato il primo giorno della mestruazione, 1 volta a settimana per 3 settimane più una sospensione di 7 giorni, nella zona dei glutei, addome e esterno del braccio. La cute deve essere pulita, asciutta, intatta, sana e preferibilmente priva di peli
  • può essere utilizzato nelle adolescenti
  • il distacco > di 24 ore ne vanifica l’efficacia
  • è rapidamente reversibile senza influenzare la fertilità.

Anello vaginale

L’anello vaginale è un anello piccolo, morbido, flessibile e trasparente composto da materiale atossico e non irritante, privo di lattice e di silicone.

Contiene un basso dosaggio di estrogeno e progestinico rilasciato in modo costante:

  • lo applica la donna
  • è molto efficace
  • viene prescritto dal medico (in alcuni casi è controindicato) il quale deve essere consultato in caso di effetti collaterali, indesiderati (che dovrebbero scomparire dopo i primi due mesi), assunzione di altri farmaci, interventi chirurgici e prima della partenza per lunghi viaggi
  • viene applicato manualmente in vagina il primo giorno della mestruazione, lasciato in sede per 3 settimane con una sospensione di 7 giorni e poi se ne applica uno nuovo
  • può essere utilizzato nelle adolescenti
  • la posizione dell’anello non influenza il suo effetto contraccettivo
  • è rapidamente reversibile senza influenzare la fertilità.

Impianto sottocutaneo

L’impianto sottocutaneo è un bastoncino a rilascio progestinico lungo 4 cm e spesso 2 cm di materiale plastico, atossico, anallergico, privo di lattice e silicone, si applica sotto la cute:

  • lo applica la donna
  • è molto efficace
  • viene prescritto dal medico (in alcuni casi è controindicato) il quale deve essere consultato in caso di effetti collaterali, indesiderati (che dovrebbero scomparire dopo i primi tre mesi), assunzione di altri farmaci, interventi chirurgici
  • il ginecologo in ambulatorio inserisce l’impianto sottocute nel braccio non dominante con un applicatore monouso; ha un’efficacia contraccettiva fino a 3 anni
  • può essere utilizzato nelle adolescenti
  • deve essere rimosso da un ginecologo in ambulatorio
  • è rapidamente reversibile senza influenzare la fertilità.

Iniezione intramuscolare

L’iniezione intramuscolare(LINK) è a base di progestinico a lento rilascio:

  • lo applica la donna
  • è molto efficace con minime controindicazioni
  • viene prescritta dal medico (in alcuni casi è controindicato) il quale deve essere consultato in caso di effetti collaterali, indesiderati (che dovrebbero scomparire dopo i primi tre mesi), assunzione di altri farmaci, interventi chirurgici
  • spesso causa irregolarità mestruali
  • è ignorato in Italia

Contraccezione, metodi barriera

Il metodo barriera è un metodo che, dopo l’eiaculazione, impedisce il passaggio degli spermatozoi verso il collo dell’utero.

Preservativo maschile

Il preservativo maschile è una sottile guaina, di solito in lattice, che avvolge il pene in erezione e impedisce il contatto del liquido spermatico con la vagina:

  • lo applica l’uomo
  • in base al corretto uso ha una percentuale di fallimento tra il 2 e il 15%
  • è l’unico metodo che offre una protezione dalle infezioni sessualmente trasmesse (oltre all’astinenza)
  • non richiede la prescrizione medica, si acquista liberamente in farmacia o nei supermercati ed è monouso
  • può essere utilizzato dagli adolescenti
  • ha una reversibilità immediata
  • in caso di allergie al lattice in ambo i sessi si possono utilizzare i preservativi di poliuretano. Possono verificarsi resistenze psicologiche nei partner.

Preservativo femminile

Il preservativo femminile è una guaina composta da due anelli flessibili alle estremità:

  • lo applica la donna
  • ha una percentuale di efficacia media
  • non richiede la prescrizione medica e si acquista in farmacia
  • più difficile da inserire rispetto a quello maschile, richiede una fase di addestramento da parte di un ginecologo
  • ha una reversibilità immediata.

Diaframma

Il diaframma è un metodo di barriera esercitata da una coppa sottile in lattice o silicone montata su un anello flessibile di metallo:

  • lo applica la donna
  • ha una percentuale di efficacia media/alta se associata a spermicidi
  • prima di ogni rapporto sessuale va inserito in vagina in modo da ricoprire il collo dell’utero e rimosso (non prima di 6-8 ore). Non va tenuto per lungo tempo per evitare infiammazioni o infezioni(LINK)
  • si può acquistare in farmacia e può essere riutilizzato dopo ogni rapporto previo lavaggio con acqua fredda e sapone
  • non richiede prescrizione medica, ma richiede una visita dal ginecologo (per valutare il tipo, le dimensioni ed eventuali controindicazioni) e una fase di addestramento per l’applicazione
  • ha una reversibilità immediata.

Coppetta cervicale

La coppetta cervicale è composta di lattice o silicone e ha una forma a tronco di cono:

  • la applica la donna
  • ha una percentuale di efficacia media/alta se associata a spermicidi
  • prima di ogni rapporto sessuale va inserita in vagina in modo da ricoprire il collo dell’utero e rimossa (non prima di 6-8 ore). Non va tenuta per lungo tempo per evitare infiammazioni o infezioni
  • si può acquistare in farmacia ed essere riutilizzata dopo ogni rapporto previo lavaggio con acqua fredda e sapone
  • non richiede prescrizione medica, ma richiede una visita dal ginecologo (per valutare il tipo, le dimensioni ed eventuali controindicazioni) e una fase di addestramento per l’applicazione
  • ha una reversibilità immediata.

Spugna

La spugna è di forma cilindrica in poliuretano:

  • la applica la donna
  • in base al corretto uso ha una percentuale di fallimento tra il 9 e il 16%
  • va inserita in vagina dove deve rimanere per almeno 6-8 ore, ma meno di un giorno e contengono una sostanza spermicida
  • non richiede prescrizione medica
  • non è più in commercio in Italia, ma può essere acquistata tramite internet
  • ha una reversibilità immediata

Spirale

La spirale è un dispositivo intrauterino (IUD) meccanico. Esistono di due tipi:

Spirale priva di ormoni ma con filamento di rame o rame e argento

  • la applica la donna
  • ha una percentuale di efficacia elevata
  • viene applicata dal ginecologo in ambulatorio entro il settimo giorno dall’inizio delle mestruazioni (in alcuni casi è controindicata) e deve essere consultato in caso di effetti collaterali, indesiderati (che dovrebbero scomparire dopo i primi 4-5 mesi)
  • deve essere rimossa da un ginecologo in ambulatorio
  • non è consigliata nelle adolescenti
  • è rapidamente reversibile senza influenzare la fertilità

Spirale con ormone progestinico

L’ormone progestinico viene rilasciato lentamente e in modo costante:

  • la applica la donna
  • ha una percentuale di efficacia elevata
  • viene applicata dal ginecologo in ambulatorio entro il settimo giorno dall’inizio delle mestruazioni (in alcuni casi è controindicato) e deve essere consultato in caso di effetti collaterali, indesiderati (che dovrebbero scomparire dopo i primi 4-5 mesi)
  • deve essere rimossa da un ginecologo in ambulatorio
  • non è consigliata nelle adolescenti
  • è rapidamente reversibile senza influenzare la fertilità

Metodi contraccettivi naturali

Secondo i metodi contraccettivi naturali, si pratica l’astinenza oppure si usano i metodi di barriera nei giorni in cui la donna è fertile mentre non si prendono precauzioni nei restanti giorni.

Coito interrotto

Il coito interrotto è l’interruzione volontaria del rapporto:

  • lo pratica l’uomo
  • ha un’efficacia bassa
  • l’uomo deve capire quando è il momento di ritrarre il pene dalla vagina e lontano dai genitali della donna

Astinenza dai rapporti tra il 9° e 16° giorno del ciclo mestruale

È un metodo poco sicuro e non adatto a donne con cicli irregolari. Si basa sul fatto che la temperatura basale ha un leggero rialzo (+ 0.2-0.5 gradi centigradi) dopo l’ovulazione:

  • lo pratica la donna
  • ha una percentuale di efficacia media
  • va misurata la temperatura sempre alla stessa ora al risveglio, per via orale o rettale con un termometro in vendita in farmacia. La temperatura rilevata viene registrata su un grafico che serve a costruire la curva termica personalizzata
  • il metodo non è consigliato in caso di cicli irregolari e può essere influenzato da fattori come la febbre, farmaci, alcolici, stress

Metodo Billings

Il metodo Billings consiste nell’osservazione del muco cervicale che risente delle influenze delle fasi ormonali.

  • lo pratica la donna
  • ha una percentuale di efficacia media
  • va osservato il muco cervicale più volte al giorno e costruito un grafico in modo da individuare l’ovulazione per evitare i rapporti sessuali
  • il metodo non è consigliato in caso di cicli irregolari e infezioni vaginali; alcuni farmaci possono influenzare la secrezione di muco

Metodo sintotermico

Il metodo sintotermico, prevede l’utilizzo di due o tre indicatori per rilevare il periodo fertile:

  • lo pratica la donna
  • ha una percentuale di efficacia medio/alta
  • i dati da raccogliere includono le variazioni della libido, l’osservazione di sintomi associati all’ovulazione (dolore al basso ventre, tensione mammaria, sanguinamento) e modificazioni dell’umore. Infine vanno inseriti in un diagramma
  • il metodo non è consigliato in caso di cicli irregolari e può essere influenzato da fattori come la febbre(LINK), farmaci, alcolici, stress.

Picco LH

Il Picco LH si osserva attraverso un apparecchio computerizzato (si acquista in farmacia) che rileva la presenza dell’ormone nelle urine:

  • lo pratica la donna
  • ha una percentuale di efficacia medio/bassa
  • il test va eseguito sempre alla stessa ora al risveglio, il computer segnala con colori differenti, se il giorno è fecondo (rosso), non sicuro (giallo) o infecondo (verde)
  • il metodo non è consigliato in caso di cicli irregolari e può essere influenzato da fattori come la febbre, farmaci, alcolici, stress.

Sterilizzazione

La sterilizzazione è un intervento chirurgico che si applica sull’uomo o sulla donna: 1. Sterilizzazione femminile, consiste nella legatura o chiusura delle tube di Falloppio: o è praticata alla donna; o ha una percentuale di efficacia molto levata e irreversibile; 2. Sterilizzazione maschile, consiste nella legatura o l’interruzione dei dotti deferenti: o è praticata all’uomo; o ha una percentuale di efficacia molto levata e irreversibile.

Pillola del giorno dopo, la contraccezione di emergenza

La pillola del giorno dopo non è un metodo contraccettivo abituale, ma va utilizzato solo in caso di emergenza e consiste in una compressa con un solo tipo di ormone a una dose più elevata rispetto alla normale pillola.

Agisce bloccando o ritardando l’ovulazione. In Italia ne esistono di due tipi:

  • Pillola del giorno dopo a base di levonorgestrel: è disponibile in farmacia e parafarmacia senza ricetta per le donne maggiorenni, mentre le ragazze minori hanno bisogno della prescrizione medica; va assunta entro 12/24 ore e comunque non oltre le 72 ore dal rapporto a rischio e ha un’efficacia che oscilla tra il 54% e il 94% entro le prime 72 ore.
  • Pillola del giorno dopo a base di ulipristal Acetato detta anche “pillola dei 5 giorni dopo”: è disponibile in farmacia e parafarmacia senza ricetta per le donne maggiorenni mentre le ragazze minori hanno bisogno della prescrizione medica. Va assunta entro 12/24 ore e comunque non oltre le 120 ore dal rapporto a rischio e ha un’efficacia del 98% entro le prime 72 ore.
Iscriviti ai webinar di B. Braun

Commento (0)