Nurse24.it
chiedi informazioni per iscriverti in convenzione

napoli

Infermiera aggredita al Santobono dai genitori di un bambino

di Redazione

    Successivo

A Napoli, nel pronto soccorso pediatrico dell'ospedale Santobono, i genitori di un piccolo paziente non essendo d'accordo sulla somministrazione di un farmaco hanno aggredito e minacciato un'infermiera. A renderlo noto è il consigliere regionale della Campania di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, che ha ricevuto un messaggio dalla vittima dell'aggressione. L'infermiera, minacciata di morte, è stata costretta a nascondersi in uno stanzino per evitare il peggio, mentre i colleghi cercavano di proteggerla.

Genitori in disaccordo su terapia per il figlio, infermiera aggredita

Le scrivo - dice la donna - per raccontarle un episodio spiacevole, un atto di violenza che ha interrotto il servizio del pronto soccorso del Santobono per più di 2 ore, mettendo a rischio la salute mia e soprattutto quella dei piccoli pazienti che non hanno potuto ricevere degna assistenza in quei momenti.

Io, infermiera di pronto soccorso pediatrico, ho dovuto abbandonare il posto di lavoro durante il turno notturno. Mi è stato impedito di svolgere il mio lavoro, sono stata nascosta dalle mie colleghe in uno stanzino, rinchiusa a chiave per difendermi. Sono stata bersaglio di gente che nemmeno voglio classificare. Ho dovuto tranquillizzare una mamma giunta in ospedale con una neonata che respirava male, perché sentendo inveire contro di me, mentre tra l'altro le spiegavo che sua figlia sarebbe stata la prossima bambina ad essere visitata visto la difficoltà respiratoria, perché aveva paura che quella gente si arrabbiasse con lei per la precedenza acquisita.

Sono stata oggetto - continua l'infermiera - di minacce e violenza per più di 2 ore (mi è stata quasi lanciata una bombola di ossigeno ed un estintore) per aver somministrato, chiedendo al genitore presente, del Nurofen a un ragazzo di 12 anni con un dolore toracico, dolore valutato ben 2 volte secondo i protocolli in uso. Ma la madre non presente alla valutazione non era d'accordo sulla somministrazione del farmaco visto che il paziente era a suo dire asmatico (ma non ho avuto modo di farle capire che le due cose non sarebbero mai state correlate). Sono stanca di svolgere il mio lavoro così, non ho più voglia di combattere la violenza e la mancanza di rispetto per noi operatori sanitari.

Non è più tollerabile che un intero reparto di pronto soccorso pediatrico, indispensabile per la città, si blocchi e viva una notte di paura, di terrore e di aggressioni d'ogni genere a causa di incivili e barbare manifestazione di violenza. Contro un dilagante e non più sopportabile fenomeno che mette a rischio ogni volta l'incolumità fisica e psicologica di infermieri, medici, oss, e tanti altri professionisti e rende inservibili strutture e attrezzature sanitarie indispensabili a salvare vite umane, gli ordini professionali dei medici e degli infermieri di Napoli fanno oggi fronte comune e annunciano prossime iniziative comuni per arginare il fenomeno e salvaguardare l'incolumità e la dignità professionale dei propri iscritti.

Infermieri e medici ritengono non più procrastinabile il ritorno di presìdi permanenti di forze dell'ordine nei luoghi di cura sensibili, un adeguato rafforzamento della polizia privata, il riconoscimento legislativo di pubblico ufficiale per medici e infermieri, campagne mirate di informazione. Ogni ritardo su questi essenziali presidi sarà giudicato irresponsabile.

Così Teresa Rea e Bruno Zuccarelli, rispettivamente presidente dell'Ordine delle professioni infermieristiche e presidente dell'Ordine dei medici di Napoli in un comunicato congiunto dopo la notte di terrore vissuta dal personale di servizio al pronto soccorso dell'Ospedale pediatrico Santobono.

Ritorna al sommario del dossier Rianimazione

Scopri i master in convenzione

Commento (0)