Nurse24.it
scopri i vantaggi della convenzione

Patologia

Dermatofibroma

di Ilaria Campagna

Il dermatofibroma è un tumore benigno della pelle che origina dalle cellule dei tessuti connettivi fibrosi del derma. Il dermatofibroma è molto comune nella popolazione generale ed è più frequente negli individui di sesso femminile e in soggetti adulti (è più comune tra i 20 e i 50 anni di età). Il dermatofibroma deve essere distinto da altre lesioni cutanee con comportamenti più aggressivi, come il dermatofibrosarcoma protuberans, il sarcoma di Kaposi ed il carcinoma basocellulare.

Cause e sintomi di dermatofibroma

Le cause del dermatofibroma non sono chiare, tuttavia si ipotizza un’origine reattiva in seguito a un trauma locale (come ad esempio una piccola ferita o una puntura di insetto), oppure un’origine di tipo proliferativo neoplastico.

Il dermatofibroma si manifesta sotto forma di papule o noduli (in numero variabile) di consistenza dura, di colore rosso-marrone e di dimensioni comprese tra 0,5 centimetri e 1,5 centimetri. Localizzati prevalentemente agli arti inferiori e/o superiori e quasi sempre asintomatici, questi noduli possono talvolta causare prurito e/o una sensazione dolorosa.

Diagnosi e cura del dermatofibroma

In genere, la diagnosi di dermatofibroma si basa sull’esame obiettivo, ossia sull'osservazione e sulla palpazione del nodulo o dei noduli presenti. In caso di dubbio diagnostico rispetto a un tumore maligno della pelle può essere utile una biopsia con esame istologico.

Il dermatofibroma richiede un trattamento solo quando causa dei sintomi. Generalmente, quando previsto, il trattamento è di tipo chirurgico. Costituiscono delle alternative, sebbene scarsamente utilizzate a causa della bassa probabilità di successo, la crioterapia, il laser ad anidride carbonica o a impulsi e l’iniezione locale di steroidi.

Complicanze e prognosi

Le complicanze consistono nella traumatizzazione dei noduli in quanto in rilievo rispetto alla pelle. Ulteriori possibili complicanze sono relative all’asportazione chirurgica e includono il sanguinamento, le infezioni della ferita e la formazione di una cicatrice ipertrofica. 

La prognosi è eccellente, poiché il dermatofibroma è una condizione assolutamente benigna.

Articoli correlati

Commento (0)