Nurse24.it

Patologia

Morbo di Addison, dai sintomi al trattamento

di Daniela Berardinelli

Il morbo di Addison (denominato anche insufficienza surrenalica primaria) è una condizione che può causare bassa pressione, perdita di peso e sensazione di stanchezza e debolezza. La malattia colpisce le ghiandole surrenaliche che sono ubicate sopra i reni e producono normalmente tre tipologie di ormoni: glucocorticoidi, mineralcorticoidi e androgeni. L’insufficienza surrenalica si verifica quando le ghiandole surrenaliche non producono più sufficienti quantità di uno o più ormoni, nonostante un normale o aumentato livello di ormone adrenocorticotropo (ACTH) che ne stimola la produzione. È un disturbo raro che colpisce mediamente dalle 35 alle 120 persone ogni milione e si verifica maggiormente tra i 30 e i 50 anni di età.

Sintomi del morbo di Addison

La maggior parte dei pazienti con morbo di Addison riferisce:

  • Stanchezza
  • Debolezza
  • Perdita di appetito
  • Perdita di peso

La tipologia e la severità dei sintomi dipendono dalla velocità con la quale la condizione viene sviluppata, dal grado di riduzione di produzione ormonale, dalla presenza di una causa sottostante e di altri eventuali agenti stressogeni sul corpo.

Altri sintomi includono:

  • Colorazione scura della cute (iperpigmentazione), specialmente a livello del viso, collo, palmo delle mani
  • Sintomi gastrointestinali come nausea e vomito
  • Vertigini causate da abbassamento di pressione
  • Dolore muscolare e articolare
  • Desiderio di cibi salati
  • Riduzione del desiderio sessuale, specialmente nelle donne

Diagnosi di morbi di Addison

La diagnosi di insufficienza surrenalica viene posta sulla base dei sintomi riferiti ed eventuale presenza di malattie autoimmuni in famiglia.

Generalmente vengono eseguiti:

  • Esami ematochimici con misurazione del livello di cortisolo
  • Dosaggio del livello di ormone adrenocorticotropo (ACTH)
  • Test di stimolazione Synacthen. Il Synacthen è una copia sintetica dell'ormone ACTH e ne mima gli effetti quando somministrato. Dovrebbe quindi indurre un rilascio di cortisolo e altri ormoni steroidei nel sangue. Il test consiste nella verifica della quantità di cortisolo presente nel sangue prima e dopo la somministrazione di Synacthen, se il livello dell'ormone adrenocorticotropo (ACTH) è elevato ma i livelli di cortisolo sono bassi la malattia di Addison viene confermata
  • Test della funzionalità tiroidea. Le persone con la malattia di Addison hanno spesso una ghiandola tiroidea poco attiva
  • Esami strumentali per immagini: tomografia computerizzata (TC) o una risonanza magnetica (MRI) delle ghiandole surrenali

Cause del morbo di Addison

In passato la tubercolosi era la causa primaria di Morbo di Addison, attualmente la causa principale è di tipo autoimmune con la produzione di anticorpi indirizzati contro le ghiandole surrenaliche, danneggiandole.

Altre cause di insufficienza surrenalica primaria sono: tumori dei surreni, amiloidosi, emocromatosi, emorragie surrenali, rimozione chirurgica dei surreni o malattie dei surreni presenti alla nascita.

Trattamento del Morbo di Addison

Il trattamento del Morbo di Addison richiede una somministrazione quotidiana degli ormoni corticosteroidi mancanti (terapia sostitutiva), generalmente da protrarre per tutta la vita.

In alcuni casi, è possibile curare la causa sottostante la malattia come avviene, ad esempio, nel caso della tubercolosi, che viene trattata con antibiotici.

Crisi surrenalica

Se la malattia di Addison non viene curata o diagnosticata, il deficit ormonale aumenta fino a giungere ad una situazione pericolosa per la vita denominata crisi surrenalica o addisoniana.

I segnali della crisi surrenalica prevedono la presenza di:

  • Grave disidratazione
  • Pallore, sensazione di freddo
  • Sudorazione
  • Respirazione rapida e superficiale
  • Vertigini
  • Vomito
  • Diarrea
  • Debolezza muscolare
  • Mal di testa
  • Sonnolenza grave o perdita di coscienza

Trattamento della crisi surrenalica

NurseReporter
Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)