Nurse24.it

Operatore Socio Sanitario

Nausea e vomito, assistenza al paziente con emesi

di Paola Botte

    Precedente Successivo

L’assistenza da parte dell’Operatore socio sanitario al paziente con vomito (emesi) inizia sin dalle prime avvisaglie di nausea, con la fase pre-eiettiva, prosegue nella fase eiettiva, con l’espulsione del contenuto presente nello stomaco e si conclude con il ritorno del paziente nel suo normale stato, fase post-eiettiva.

Nausea, il campanello d'allarme per prevenire il vomito del paziente

La malattia, così come l’assunzione di farmaci, gli interventi chirurgici o lo stress emotivo possono rendere le persone più sensibili verso certi stimoli. Odori, sapori, l’aspetto di alcuni cibi, tutto potrebbe indurre la sensazione di nausea o emesi (vomito).

L’assistenza da parte dell’Operatore socio sanitario inizia sin dalle prime avvisaglie di nausea, con la fase pre-eiettiva, prosegue nella fase eiettiva, con l’espulsione del contenuto presente nello stomaco e si conclude con il ritorno del paziente nel suo normale stato, fase post-eiettiva.

Florence Nightingale

Riconoscere i sintomi di un paziente con nausea può essere importante per prevenire l’emesi. I principali segnali sono:

  • debolezza 
  • sudorazione 
  • tachicardia o bradicardia 
  • pallore.

In questi casi, va avvisato immediatamente l’infermiere o il medico, che potrebbero decidere per la somministrazione di farmaci antiemetici.

Puó essere utile:

  • aprire le finestre per ridurre la temperatura ambientale 
  • tranquillizzare il paziente.

Da evitare, invece:

  • movimenti bruschi 
  • di far assumere la posizione prona
  • di somministrare liquidi
  • di somministrare cibi, soprattutto se grassi e in quantità abbondanti.

Ritorna al sommario del dossier Tecniche Assistenza OSS

Commento (0)