Nurse24.it

Operatore Socio Sanitario

Isolamento dell'assistito affetto da patologie infettive

di Franco Piu

    Precedente

L’isolamento è usato per i pazienti che sono infetti o colonizzati da agenti infettanti che richiedono precauzioni aggiuntive rispetto alle precauzioni standard usate per tutti i pazienti. L’isolamento è usato per ridurre al minimo il rischio di trasmissione degli agenti patogeni alle altre persone, in particolare alle persone più fragili, ed allo staff di assistenza.

Paziente in isolamento

Quando attuare l'isolamento del paziente

Nella procedura di isolamento sono inclusi tutti i pazienti che hanno sviluppato infezioni sostenute da microrganismi che causano diarrea e/o vomito (precauzioni per la malattie gastroenteriche), da microrganismi che possono diffondersi nell’aria (precauzioni per via aerea o droplet) e infezioni o colonizzazioni sostenute da germi multi resistenti, che richiedono le precauzioni per contatto.

Il paziente per il quale si rende necessaria la procedura di isolamento è normalmente allocato in stanza singola, oppure possono condividere la stessa stanza pazienti che condividono la stessa patologia. La stanza di degenza deve essere equipaggiata di servizi igienici e bagno in camera, in modo tale da evitare l’uscita del paziente.

Se ciò non fosse possibile è necessario che dopo ogni uso i servizi igienici siano sanificati e disinfettati con cloro derivati o altri disinfettanti appropriati, eventualmente individuati dal prontuario dei disinfettanti e dei detergenti disponibile in azienda, prima dell’uso di un altro paziente.

Nell’entrata e nell’uscita dalla stanza gli operatori devono prestare attenzione alle correnti d’aria dall’interno all’esterno del locale, per evitare la diffusione dei microrganismi nell’ambiente. Tutto il materiale di assistenza ed uso deve essere tenuto a disposizione all’interno della stanza di degenza.

Preparazione della stanza per l'isolamento

Obiettivi

  • Mantenere l’ambiente pulito
  • Evitare la diffusione dei microrganismi nell’ambiente
  • Evitare le infezioni crociate

Materiale occorrente

  • Stanza singola
  • Abbigliamento del paziente
  • Abbigliamento per la protezione personale
  • Presidi per il lavaggio delle mani
  • Materiale informativo per il paziente

Tecnica operativa prima della procedura

Attività Motivazione
Identificare la stanza adatta a disposizione per l'isolamento, tenendo conto del rischio per gli altri pazienti e per il personale e per le altre esigenze di cura del paziente Per bilanciare al meglio le esigenze di evitare il rischio di infezioni crociate e garantire il massimo comfort del paziente isolato.

Procedura operativa

Attività Motivazione
Rimuovere tutto il materiale non necessario all’interno della stanza. Tutti gli arredi rimanenti devono essere sanificati. Assicurarsi che nella stanza sia disponibile tutto il materiale per la cura e l’assistenza della persona assistita e, in quantità sufficiente e mai eccessiva, il materiale monouso necessario.  Il contenitore dovrà essere sigillato prima della rimozione dalla stanza. Per assicurare la disponibilità di tutto il materiale necessario per la cura la paziente e per evitare le entrate e le uscite nella stanza di degenza, correndo il rischio di favorire la diffusione dei microrganismi.
Assicurarsi che sia presente all’interno della stanza un contenitore per la raccolta dei rifiuti pericolosi a rischio infettivo, che sarà usato per tutti i rifiuti prodotti nella stanza. Per raccogliere tutti i rifiuti prodotti dentro la stanza.
Posizionare il contenitore per taglienti dentro alla stanza Per contenere tutti i taglienti usati nel luogo di utilizzo

Tenere all’interno della stanza solamente gli effetti personali del paziente indispensabili. Tutti gli oggetti all’interno della stanza devono essere lavabili, pulibili o monouso. Contattare eventualmente il comitato per la lotta alle infezioni per ricevere consigli o indicazioni per i prodotti da usare per il lavaggio o la pulizia.

Gli effetti personali del paziente possono contaminarsi e non possono essere portati a casa a meno che non siano lavabili o pulibili.

Assicurarsi che siano disponibili fuori della stanza tutti i dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) necessari all’operatore per l’ingresso nella stanza. I kit e i dispenser precostituiti facilitano l’uso e razionalizzano lo spazio ma, se necessario, rendere disponibili fuori dalla porta i D.P.I e il gel alcolico per la frizione delle mani. Assicurarsi che tutto ciò non rappresenti un ostacolo o altri pericoli.

Per avere a disposizione tutti i D.P.I.
Spiegare la ragione dell’isolamento e spiegare le precauzioni richieste al paziente, ai suoi famigliari ed agli altri visitatori, e fornire al paziente tutto il materiale informativo disponibile. Qualora il paziente ponga domande alle quali il personale non sappia rispondere, chiedere eventualmente supporto allo staff dedicato al controllo delle infezioni ospedaliere I pazienti e i suoi visitatori possono essere maggiormente collaboranti se capiscono le ragioni dell’isolamento, e l’ansia del paziente può essere ridotto se ha il maggior numero di informazioni possibili sulla sua condizione di salute
Posizionare sulla porta all’esterno avvisi ben comprensibili che diano indicazioni sulle norme da seguire per l’ingresso nella stanza, cercando di preservare la privacy della persona assistita Per assicurarsi che tutto il team di assistenza sia informato sulle precauzioni da seguire.
Spostare la persona assistita nella stanza Per assicurare l’isolamento
Provvedere alla pulizia finale ed accurata del letto dove soggiornava il paziente Per eliminare tutti i possibili microrganismi prima di assegnare il letto ad un altro paziente, per evitare che possa contrarre una infezione

Ingresso nella stanza di isolamento

Obiettivo

  • Mantenere l’ambiente pulito
  • Evitare la diffusione dei microrganismi nell’ambiente
  • Evitare le infezioni crociate

Materiale occorrente

Abbigliamento per la protezione personale e dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) necessari:

  • sempre guanti e camice di protezione;
  • quando necessario (isolamento per via aerea): maschera respiratoria;
  • se la procedura da eseguire prevede schizzi o la generazione di aerosol o isolamento per droplet: protezione per gli occhi.

Tutto il materiale necessario per l’assistenza al paziente.

Attività Motivazione
Preparare tutto il materiale necessario Per evitare di entrare e uscire inutilmente e più volte dalla stanza di isolamento
Assicurarsi di essere “nudi sotto il gomito” (divisa con maniche corte) Per facilitare il lavaggio delle mani ed evitare la contaminazione degli indumenti
Indossare un camice monouso di protezione o un grembiule impermeabile. Per proteggere gli indumenti da lavoro dalla contaminazione conseguente al contatto con il paziente
Indossare una maschera monouso ben aderente o una maschera ad alto potere filtrante in caso di isolamento per via aerea o se la procedura da eseguire può generare droplet (es. bronco aspirazione).

Per ridurre il rischio di inalazione di microrganismi patogeni
Se viene indicato l’uso della maschera facciale dal team o possono essere generati aerosol o droplet per la procedura (es. bronco aspirazione). Per evitare la contaminazione delle mucose degli occhi dell’operatore
Lavare la mani con acqua e sapone o usare il gel alcolico per il frizionamento delle mani Le mani degli operatori rappresentano la prima fonte di trasmissione dei microrganismi durante l’assistenza: la pulizia delle mani previene l’insorgenza delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali (I.C.P.A.)
Indossare i guanti monouso se si pensa di dover toccare sangue, materiale organici, secreti ed escreti o altro materiale contaminato e se si devono eseguire procedure operative per cui siano richiesti i guanti Per ridurre il rischio di contaminare le tue mani
Entrare nella stanza di isolamento chiudendo la porta dietro di sé Per evitare che i microrganismi trasmissibili per via aerea possano uscire dalla stanza

Uscire dalla stanza di isolamento dopo l'esecuzione della manovra assistenziale

Obiettivo

  • Mantenere l’ambiente pulito
  • Evitare la diffusione dei microrganismi nell’ambiente, trasportando microrganismi al di fuori della stanza di isolamento
  • Evitare le infezioni crociate

Materiale occorrente

  • Contenitore per i rifiuti
  • Prodotti per l’igiene delle mani

Procedura operativa

Attività Motivazione
Se si sono indossati i guanti rimuoverli e smaltirli nel contenitore per rifiuti pericolosi a rischio infettivo Per evitare di trasportare con i guanti agenti contaminanti in altri ambienti
Rimuovere il camice monouso o il grembiule impermeabile rompendo i lacci e mantenendoli all’interno del grembiule, e smaltirlo nel contenitore per rifiuti pericolosi a rischio infettivo Per evitare di trasportare con i guanti agenti contaminanti in altri ambienti
Lavare la mani con acqua e sapone o usare il gel alcolico per il frizionamento delle mani. Non usare il gel a soluzione alcolica se il paziente necessita di isolamento per patologie gastro intestinali: in questo caso usare acqua e sapone
Le mani degli operatori rappresentano la prima fonte di trasmissione dei microrganismi durante l’assistenza: la pulizia delle mani previene l’insorgenza delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali (I.C.P.A.)
Uscire dalla stanza chiudendo la porta dietro di sé Per evitare che i microrganismi trasmissibili per via aerea possano uscire dalla stanza

Trasporto del paziente infetto al di fuori della stanza di isolamento

Quando

Ogni volta che il paziente deve per necessità cliniche essere trasportato al di fuori della stanza di isolamento (ad esempio per l’effettuazione di indagini radiologiche non eseguibili al letto)

Obiettivo

Mantenere l’ambiente pulito

Evitare la diffusione dei microrganismi nell’ambiente, trasportando microrganismi al di fuori della stanza di isolamento

Evitare le infezioni crociate

Attività Motivazione
Informare il servizio/reparto dove il paziente deve fare l’esame richiesto della diagnosi del paziente e delle procedure richieste per l’isolamento Per consentire al servizio/reparto di adottare le misure di prevenzione adeguate
Se possibile, fare in modo che l’appuntamento del paziente sia l’ultimo della giornata Per consentire al servizio/reparto che esegue l’esame di poter mettere in atto tutte le procedure di sanificazione ambientale e degli strumenti senza dover interrompere gli esami programmati e/o l’attività della giornata in attesa del ripristino
Informare gli operatori del servizio di trasporto della diagnosi del paziente e sulle procedure da seguire nel trasporto e assicurarsi che le informazioni siano state ben comprese La spiegazione e i richiami riducono il rischio di infezioni crociate e ad evitare gli errori conseguenti al mancato rispetto delle norme da seguire per la prevenzione delle infezioni
Accompagnare il paziente, se necessario Per assicurare che il paziente riceva le necessarie cure e per informare gli altri delle procedure da seguire per l’assistenza
Se il paziente è affetto da una patologia trasmissibile per via aerea o per droplet rappresenta un rischio per le persone incontrate durante il tragitto, e gli si può fare indossare una maschera chirurgica o una maschera respiratoria. Provvedere a far indossare la maschera secondo la procedura e spiegare al paziente la motivazione e indicargli come e quando dovrà essere indossata la maschera, assisterlo se necessario Per prevenire le infezioni per via aerea. Per ridurre l’ansia del paziente con una corretta informazione

Ritorna al sommario del dossier Tecniche Assistenza OSS

Editorialista

Commento (0)