Nurse24.it

Operatore Socio Sanitario

Accettazione e ricovero del paziente, il ruolo dell'Oss

di Paola Botte

Tecniche Assistenza OSS

    Precedente Successivo

Il momento del ricovero è senz'altro delicato. Lo è per il paziente che più o meno inaspettatamente si ritrova in un ambiente sconosciuto, lontano dalla sua quotidianità. Lo è anche per il personale sanitario, che da quel momento dovrà mettere in atto tutte le sue risorse per conoscere il paziente e garantirgli un'adeguata assistenza, fino al giorno delle sue dimissioni. Tra queste figure spicca sicuramente il ruolo dell'Oss.

L'Operatore socio sanitario nell'accettazione e ricovero del paziente

Se da una parte l'infermiere si preoccupa di raccogliere i dati identificativi del ricoverato, quelli relativi ai bisogni di assistenza infermieristica e i parametri vitali, dall'altra c'è tutto un mondo legato prettamente all'accoglienza del paziente, di cui si occupa proprio l'operatore socio-sanitario.

Alcune procedure vanno effettuate prima ancora dell'arrivo del paziente, come l'igienizzazione di comodini, armadi, letti e di tutta la mobilia di cui disporrà il ricoverato; il cambio del materasso con uno pulito; la preparazione della biancheria (lenzuola, federa, traversa monouso, cuscino ed eventuale coperta), il rifacimento del letto; la verifica della presenza del flussometro ad ossigeno e del suo corretto funzionamento; la collocazione del palo per la fleboclisi.

A questo punto tutto è pronto per l'ingresso del paziente, che va accolto e accompagnato nella sua stanza. I passaggi successivi sono:

  • illustrare la camera, gli armadietti, la luce notturna, il bagno e i campanelli ai quali potrà accedere sia dal letto che dai servizi igienici
  • fornire informazioni relative all'unità in cui si trova, quindi l'ubicazione degli spazi e dei bagni comuni e del refettorio, se previsto; gli orari dei pasti, comprese colazione e merenda, gli orari di visita, le porte d'uscita dal reparto ecc.
  • portare al paziente un bicchiere e dell'acqua.

È importante chiedere al ricoverato se qualcuno - un accompagnatore o un parente - può occuparsi di sistemare i suoi effetti personali. In caso contrario, se il paziente non è in grado di farlo da solo, bisogna aiutarlo.

Va ricordato che al di là di queste indicazioni generali, l'Oss dovrebbe essere in grado, attraverso l'osservazione, la sua competenza e sensibilità, di intercettare qualsiasi bisogno, anche quelli di cui magari gli stessi pazienti non ne sono ancora a conoscenza. Ogni informazione carpita va poi condivisa con tutto il gruppo di lavoro, per implementare insieme il giusto piano di assistenza.

Ritorna al sommario del dossier Tecniche Assistenza OSS

iscriviti al webinar grauito

Commento (0)