Nurse24.it

Attualità Infermieri

Abruzzo: prepensionamenti infermieri, rischio blackout

di Redazione

Con 599 infermieri in prepensionamento in Abruzzo si rischia il blackout sanitario. A lanciare l'allarme è il consigliere regionale M5s, Francesco Taglieri che ha convocato i presidenti degli Ordini professionali in Commissione Sanità per fare un quadro della situazione.

In commissione i presidenti Opi: possibile buco di 2mila unità

Carenza infermieri: in Abruzzo si rischia un buco di 2mila unità con i prepensionamenti

I prepensionamenti uniti alla cronica carenza di personale, potrebbero determinare in Abruzzo - afferma Taglieri - un buco di oltre 2mila unità infermieristiche, pregiudicando il servizio alle cure a cui le Asl dovrebbero far fronte.

Possibile evitarlo? Secondo Taglieri sì, grazie allo sblocco delle assunzioni nel Sistema sanitario nazionale deciso dall'ex ministro Giulia Grillo a patto che il personale venga distribuito con criterio. Per Taglieri, infatti, ad aggravare la situazione è l'utilizzo errato che si fa di queste figure professionali, troppo spesso costrette a colmare carenze croniche, per giunta attraverso cooperative che generano lavoro precario.

Senza contare, poi, il problema delle retribuzioni contrattuali: gli infermieri italiani sono i meno pagati in Europa, secondi solo ai colleghi spagnoli in questo triste primato. La qualità del servizio per il vicepresidente della commissione Sanità deve insomma passare per il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche.

L'assessore Verì e tutta la Giunta prendano atto di queste realtà - conclude - e inizino ad attuare un serio piano di assunzione che rimetta al centro le figure professionali ed il supporto che queste portano all'intero sistema sanitario. Un sistema che, si auspica, rimetta al centro il paziente e le sue esigenze prima di mere argomentazioni di profitto.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)