Nurse24.it
scrivi una email per avere maggiori informazioni

Sindacato

Matera, infermieri e Oss impiegati come amministrativi

di Massimo Canorro

I segretari Fials Matera, Giovanni Sciannarella e Marco Bigherati denunciano un fenomeno in aumento presso l’Azienda sanitaria locale: «Personale sanitario sempre più spesso utilizzato come amministrativo». Ad un operatore socio sanitario sarebbe stato assegnato, addirittura, un ufficio in direzione sanitaria.

Denunciata l’Azienda sanitaria locale di Matera

Un fatto, quello denunciato dal sindacato nei confronti dell’Azienda sanitaria locale, che fa sorridere (poco) e preoccupare (molto). Già, perché i segretari di Fials Matera, Giovanni Sciannarella e Marco Bigherati, parlano – attraverso una nota – di un vero e proprio fenomeno per eludere le graduatorie: assistiamo ad infermieri diventati segretari e operatori socio sanitari che, invece di stare nei reparti, lavorano dietro la scrivania e si fanno chiamare dottore. I fatti più eclatanti sarebbero avvenuti a Policoro, dove – spiegano ancora i due segretari – ad un Oss è stato assegnato addirittura un ufficio in direzione sanitaria dove svolge funzioni amministrative, mentre altri colleghi ed infermieri con seri problemi di salute non riescono ad essere ricollocati, perché il servizio delle professioni sanitarie non risponde alle giuste richieste di questi lavoratori.

Accadimenti che dovrebbero fare indignare soprattutto i numerosi aspiranti al ruolo amministrativo che compongono le graduatorie. Fermo restando che, prosegue la nota, laddove servisse personale amministrativo la Asm, l’Azienda sanitaria locale di Matera, dovrebbe scorrere le graduatorie e non adibire in maniera impropria il personale sanitario. Definendo poi le relazioni sindacali con l’Azienda oramai azzerate, poiché ci sono stati solamente due incontri nei primi otto mesi di quest’anno, nonostante i gravi problemi che continuiamo a segnalare, Sciannarella e Bigherati fanno presente che da tempo hanno sollecitato i vertici aziendali su questi casi, senza però ottenere alcuna risposta.

Anzi, fanno ancora presente, addirittura un operatore socio sanitario è stato dichiarato “insostituibile” dal direttore sanitario per via delle sue abilità informatiche. Peccato però, precisano ancora, che nel profilo professionale degli oss le capacità tecnologiche non sono richieste. Piuttosto, dovrebbero occuparsi dell’assistenza ai pazienti e non stare dietro la scrivania ad occupare posti destinati agli amministrativi.

Insomma, fermo restando le numerose richieste dell’Opi Matera, che da tempo chiede di incrementare i posti da dirigente delle professioni sanitarie nell’organico dell’Asm (Una professionalità sempre maggiore e un ruolo sempre più specializzato nelle attività ospedaliere e di assistenza territoriale devono essere adeguatamente rappresentati a livello dirigenziale), il tema della carenza dei sanitari non accenna ad essere risolto.

E questo a svantaggio sia sell’utenza sia degli stessi operatori sanitari che, riprendono Sciannarella e Bigherati, da oltre due anni stanno lavorando in situazione di grave stress per la cronica carenza di organico: soprattutto di notte c’è solo un Oss per 40 pazienti. In ogni caso, la Fials di Matera – che ha segnalato anche all’assessore alla Salute e Politiche della Persona della Regione Basilicata, Francesco Fanelli – si dice pronta ad inviare tutto alla Procura della Repubblica e all’ispettorato del lavoro.

Commento (0)