Nurse24.it

Concorso Pubblico

Genova, al via maxi concorso per infermieri

di Massimo Canorro

Dopo gli Oss è giunto il momento dei professioni infermieri. Tra domani e giovedì sono attesi nel capoluogo oltre 6mila candidati per il maxi concorso di Alisa per 700 posti a tempo indeterminato presso tutte le strutture della Liguria. Il presidente di Opi Genova, Carmelo Gagliano: Numeri comunque insufficienti, persiste un fabbisogno complessivo di almeno mille operatori nella regione.

Gagliano, Opi Genova: questo concorso potrebbe svuotare le Rsa

A distanza di pochi giorni dalla prima prova del concorso indetto da Alisa per l’assunzione di 274 Oss a tempo indeterminato (in precedenza annullato dal Tar con sentenza confermata in Consiglio di Stato nonostante il ricorso dell’agenzia sanitaria regionale della Liguria), è sulla linea il partenza il maxi concorso per gli infermieri.

Tra domani e giovedì mattina sono attesi a Genova ben 6.110 candidati – tutt’altro che assenti quelli provenienti dal sud Italia, come ben racconta il docu-film "Il Posto" – per 700 posti a tempo indeterminato all’interno di tutte le strutture regionali (sono previste, tra le altre, 35 assunzioni nella Asl1, 160 nella Asl2, 90 nella Asl3, 180 al policlinico San Martino, 130 nella Asl4 e 70 nella Asl5).

Numeri, ad ogni modo, che sono insufficienti per l’Ordine degli infermieri di Genova, che lamenta un fabbisogno complessivo di almeno mille operatori in tutta la Liguria (così come di recente, in Puglia, si è espresso l’Opi Bari sull’assunzione di 127 infermieri vincitori del concorso unico regionale, con il presidente Saverio Andreula che ha definito l’assunzione un atto dovuto, precisando però che rispetto al fabbisogno del 2019 il numero complessivo indicato dalle Asl pugliesi oltrepassa le 2.500 unità, e ci si chiede cosa si farà per questo, se lo scorrimento della graduatoria avverrà in tempi rapidi e se i contratti in scadenza saranno rinnovati).

Spiega Carmelo Gagliano, presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Genova: I 700 posti previsti dal bando del 2021 non considerano che quest’anno andranno in pensione altri 300 infermieri e quelli ancora impegnati negli ambulatori Covid e long Covid, senza dimenticare, continua ancora, che ci riferiamo esclusivamente al comparto pubblico. Questo concorso potrebbe svuotare le Rsa e le strutture private, creando una nuova carenza nelle realtà con pazienti fragili che più di altri avrebbero urgenza di continuità assistenziale.

Sono circa 15mila i professionisti sanitari in Liguria e il maxi concorso indetto da Alisa intende colmare un gap strutturale che ha preso il via ben prima della pandemia. Seicento sono stati assunti a tempo determinato nel corso dell’emergenza e tanti sono ancora in servizio tra una proroga e l’altra.

Da parte sua, l’Ordine degli infermieri chiede un piano a lunga gittata: da un lato incrementando i posti per i futuri infermieri nei corsi a numero chiuso (i numeri al corso di laurea magistrale di Scienze infermieristiche ed ostetriche all’università di Genova sono passati da 380 a 420 nuovi studenti nell’ultimo anno, un aumento ritenuto ancora insufficiente); dall’altro, considerando la grande fuga verso la pensione prevista dal 2025 (in questo caso saranno ben oltre i 250/300 infermieri che abbandonano la professione ogni anno). Occorrerà farsi trovare pronti, insomma.

Ma il domani è adesso, e tra poche ore – alle 8:00 del 4 maggio – prenderanno il via le prove, con ingressi contingentati ogni 30 minuti, presso l’Rds Stadium della Fiumara: due le sessioni previste per domani (una in mattinata, l’altra pomeridiana) e l’ultima giovedì mattina, ognuna con circa 2mila persone che si cimenteranno nella prova scritta. La Regione – ha spiegato Giovanni Toti, presidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria – prosegue il piano di assunzioni per la sanità ligure che garantisce un rafforzamento dell’intero sistema sanitario. Congiuntamente al miglioramento del servizio ai cittadini, si tratta di un piano che garantisce nuovi posti di lavoro stabili per centinaia di cittadini nella nostra regione.

Commento (0)