Nurse24.it
Partecipa ai webinar gratuiti su Salute.LIVE

sindacato

Infermieri del carcere senza stipendio da tre mesi

di Leila Ben Salah

Quindici infermieri che lavorano nel carcere di Padova e non vedono lo stipendio da tre mesi. Per loro si è mobilitata la Fp Cisl e finalmente si intravede uno spiraglio.

In servizio tra i detenuti e senza stipendio da tre mesi

carcere

Quindici infermieri del carcere non ricevono lo stipendio da tre mesi

Non hanno visto l’ombra di un euro da ottobre scorso. Addirittura uno di loro ha dovuto bloccare l’assicurazione della macchina perché non poteva più permettersi di pagarla, e da quel momento va al lavoro a piedi. Non se la passano bene quindici infermieri del carcere Due Palazzi di Padova. La cooperativa per cui lavorano non ha pagato loro né lo stipendio di novembre, né quello di dicembre, né quello di gennaio e tantomeno la tredicesima.

Proprio oggi - racconta Fabio Turato segretario territoriale della Fp Cisl - siamo riusciti a far partire dalla Aulss 6 Euganea la rescissione del contratto. E adesso subentrerà un’altra cooperativa, la seconda in graduatoria, che è di Bologna e speriamo che le cose vadano meglio. Certo dal punto di vista del problema dei pagamenti, il piatto piange ancora.

Gli infermieri lavorano nelle due case circondariali che in tutto contano un migliaio di detenuti. Praticamente un piccolo villaggio - dice ancora Turato -. Con tutti i problemi che questo comporta. Si tratta di persone che hanno quasi tutte problemi di salute, chi cronici, come diabete ipertensione, ma anche tossicodipendenti, alcolisti, detenuti con problemi psichici. E in queste situazioni avere un gruppo di infermieri motivati, che lavora in team, è fondamentale.

C’è chi lavora lì dal 2011, quando l’azienda sanitaria ha preso in mano il servizio. La gara d’appalto era stata vinta da una Srl di Roma, che tra contratti a chiamata e percorsi più o meno difficili, l’anno scorso è arrivata a scadenza d’appalto. A quel punto è stata fatta un’altra gara, sempre a ribasso, e stavolta ha vinto una cooperativa, che ha dato la faccenda in mano immediatamente a un’altra cooperativa in subappalto, addirittura di Cagliari. Sembravano molto disponibili - dice ora Turato - anche troppo! Fatto sta che a fine anno a dicembre hanno pagato gli stipendi a soli sei infermieri su 15 e hanno pagato solo i contributi di novembre. Caduti nel vuoto i solleciti dell’azienda sanitaria. La cooperativa, di fronte alla diffida, ha spedito le prenotazioni dei bonifici. Ma a quelle prenotazioni non ha mai fatto seguito il bonifico vero e proprio. Di qui la decisione di rescindere il contratto.

Ma adesso come faranno gli infermieri a riavere indietro i soldi di tre mesi? L’Aulss 6 si è impegnata a pagare lei stessa gli stipendi mancati conclude Turato.

Giornalista
Iscriviti ai webinar su Salute.LIVE

Commenti (1)

valente.ee

Avatar de l'utilisateur

1 commenti

Infermieri carcere poggioreale

#1

Anche noi infermieri della C.C. di Poggioreale abbiamo stipendi arretrati. Ad oggi 10/02/17 ancora non abbiamo percepito neanche la mensilitá del mese di Agosto. Nelle carceri non c è controllo di nessun tipo. Soli e abbanadonati nel dimenticatoio.