Nurse24.it

fine vita

Infermieri accanto ai pazienti: il documento Fnopi

di Redazione

Chiarire quale sia l’apporto richiesto - dal punto di vista legale, disciplinare e deontologico - all’infermiere per contribuire all’effettiva realizzazione della legge 219/2017 (“Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”) e offrire una guida agli infermieri per contribuire a favorire sempre di più le condizioni idonee per poter permettere alla persona di fare le scelte migliori sulla propria salute, sulla malattia e quindi sulla propria vita. Questi gli obiettivi del documento sulla disciplina infermieristica all’interno della legge 219/2017 elaborato dal gruppo di lavoro Fnopi “Epicurei”.

Fine vita: gli infermieri tracciano il loro percorso accanto ai pazienti

La Federazione nazionale degli ordini degli infermieri (Fnopi) ha messo a punto un documento di supporto alla legge 219/2017 in cui si traccia il percorso dell’assistenza al fine vita da parte degli infermieri, la categoria professionale più vicina ai pazienti e alle famiglie nel loro percorso.

A fronte del nuovo quadro normativo - spiega Nicola Draoli, Consigliere del Comitato Centrale Fnopi che ha coordinato i lavori - è stato necessario chiarire quale sia l’apporto richiesto, dal punto di vista legale, disciplinare e deontologico, all’infermiere per contribuire all’effettiva realizzazione di questa legge ed è per questo che è nato il documento sulla disciplina infermieristica all’interno della legge 219/2017.

Un documento, quello elaborato dal gruppo di lavoro "Epicurei" (composto da Domenico Pittella, Nicola Draoli, Sandro Scipioni, Irene Rosini, Antonio Campo, Chiara Mastroianni, Cesarina Prandi), che riporta il punto di vista degli infermieri nel processo di scelta terapeutica - sottolinea Antonio Campo, infermiere, Consigliere Federazione Cure Palliative - mettendo a fuoco la malattia inguaribile e la relazione tra operatore, persona malata e famiglia.

Con questo documento - continua Campo - abbiamo voluto dare un nostro punto di vista sui punti cardine della Legge 219: Consenso Informato, Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT) e Pianificazione Condivisa delle Cure.

Ma non solo: il documento, come sottolinea Cesarina Prandi, infermiera, Professore SUPSI – DEASS, Manno CH; Consigliere Società Italiana Cure Palliative, fornisce a tutti gli infermieri italiani l’occasione per conoscere e approfondire il contenuto della legge che ha come centralità temi di grande rilievo per la relazione di assistenza.

Speriamo che con questo documento gli infermieri italiani possano trovare una guida per contribuire a favorire sempre di più le condizioni idonee per poter permettere alla persona di fare le scelte migliori sulla propria salute, sulla malattia e quindi sulla propria vita, ribadendo che la persona (sana o malata), nel rispetto della sua autonomia, non deve essere lasciata sola nelle scelte che potrà o dovrà compiere

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)