Nurse24.it
Scopri i webinar gratuiti su Salute.LIVE

presidio

DPI per la protezione del capo

di Giacomo Sebastiano Canova

Nelle normali attività gli operatori sanitari sono soggetti ad un fattore di rischio da contaminazione attraverso il capo che può essere considerato modesto. Qualora debbano essere affrontate specifiche attività a maggior rischio, ovvero quando sia importante prevedere un livello di protezione anche per l’utente o i prodotti trattati, è opportuno l’utilizzo di un copricapo di protezione.

Cuffie e copricapi, tipologie di DPI per la protezione del capo

Tipologia Caratteristiche Protezione Attività
Cuffia in TNT con elastici latex-free Elastico circolare unico. Diametro min. cm.26 circa

A protezione parti del viso, fronte e collo dell’operatore

 

Esecuzione o assistenza negli interventi chirurgici, manovre asettiche, assistenza a pazienti con sospetta o accertata patologia trasmissibile 
Copricapo integrale

Non a corpo unico, orlato e cucito.

Cuciture resistenti allo strappo.

Copertura capo, fronte, orecchie fino al collo con larghe bande ed allacciatura posteriore
Cappellino Elastico circolare unico. Diametro min. cm.26 circa

La cuffia va indossata avendo cura di coprire completamente i capelli, eventualmente raccogliendoli con elastici prima di indossarla per evitare una fuoriuscita degli stessi mentre si è impegnati nelle procedure di assistenza al paziente.

Gli indumenti monouso devono essere indossati una sola volta e poi gettati nel contenitore per rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo, seguendo le procedure specifiche previste per il luogo dell’intervento.

Nella fase di svestizione del dispositivo di protezione individuale, al fine di ridurre la probabilità di contaminazione è importante che la cuffia sia rimossa tirandola dall’alto.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)