Nurse24.it
entra a far parte della community di priofessionistidellasalute.it >

oncologia

Mridian, l'apparecchio per la radioterapia lo muove il paziente

di Leila Ben Salah

Si chiama Mridian ed è un macchinario di ultimissima generazione che permette di tracciare la posizione del tumore in tempo reale. A pilotarlo però non è un professionista sanitario, ma il paziente stesso.

Il paziente non è più passivo, ma gioca un ruolo attivo nel trattamento

mridian

Mridian

L’apparecchio è utilizzato nella radioterapia ed è in dotazione al Policlinico Gemelli, nel centro di alta tecnologia oncologia Art (Advanced radiation therapy). Ne esistono nove in tutto il mondo.

Mridian è dotata di risonanza magnetica nucleare che rilascia quattro immagini al secondo e consente di tracciare la posizione del tumore in tempo reale per individuare il punto esatto da colpire, escludendo i tessuti sani, in modo estremamente selettivo spiega al Corriere della Sera Vincenzo Valentini, direttore del polo di Scienze oncologiche ed ematologiche del Gemelli.

La vera novità è che il paziente non è più passivo. Ma muove l’apparecchio con una sorta di joystick, individuando il punto esatto in cui va applicata la radioterapia. E quindi diventa protagonista della terapia stessa.

Giornalista
entra a far parte della community di priofessionistidellasalute.it >

Commento (0)