Nurse24.it

aggressioni in ospedale

Non era questo che mi aspettavo dall'essere infermiera

di Redazione

Lavoro in corsia da 15 anni come infermiera, ma negli ultimi 10 ho visto crescere in maniera esponenziale le violenze verso il personale sanitario. È terribilmente frustrante, emotivamente devastante dover subire attacchi, critiche, offese, minacce, insulti da parte di un'utenza che ci giudica a priori mentre sei lì a svolgere il tuo lavoro come meglio puoi e cercando sicuramente di fare del bene, nonostante tutte le difficoltà che ci sono. E se non sei forte abbastanza da fartele scivolare addosso, ti ammali, hai paura di andare a lavoro, perché non sai con chi dovrai avere a che fare oggi. Ti senti frustrato, perché non è questo che ti aspettavi dalla tua professione.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commenti (1)

Giovambattista87

Avatar de l'utilisateur

1 commenti

Aggressione

#1

ALCUNE VOLTE RIUSCIAMO A NASCONDERE E QUALCHE VOLTA A DIMENTICARE IL DOLORE DI UN AGGRESSIONE SOLO PERCHÉ PROFESSIONALMENTE ED ETICAMENTE PENSIAMO SOLO AL BENESSERE DEL PAZIENTE, VIOLANO LA NOSTRA PROFESSIONALITA CON L ARROGANZA DI CHI NON CONOSCE E SEGNANO PER SEMPRE I NOSTRI TURNI. SAREBBE EFFICACE RIUSCIRE A CONDURRE UNA POLOTICA CULTURALE DELLA NOSTRA PROFESSIONE PER FARCI RICONOSCERE CIO CHE SIAMO. SIA ECONOMICAMENTE MA SOPRATTUTTO PROFESSIONALMENTE, MA QUESTO DAREBBE FASTIDIO A QUALCUNO. NEI NOSTRI ORDINI MOLTO SPESSO "COMANDA" CHI IN CORSIA NON C È MAI STATO OPPURE DIRIGENTI CHE NON SANNO NEANCHE LONTANAMENTE CIO CHE SUCCEDE QUOTIDIANAMENTE. NON ABBIAMO MAI LA POSSIBILITA DI ESPRIMERE LE NOSTRE RAGIONI NE UNO STRUMENTO FORTE PER FARLE VALERE. FIN QUANDO LE COSCIENZE DI QUALCUNO NON SI SVEGLIANO SARA SEMPRE LA SOLITA STORIA...