Nurse24.it

cardiologia

Emiblocco anteriore sinistro

di Sara Pieri

L’emiblocco anteriore sinistro è una patologia che interessa la componente elettrica cardiaca: l’impulso elettrico viene bloccato a livello del fascio della branca sinistra anteriore a causa di un disturbo o lesione che lo interessa. La terapia dipende dalle cause scatenanti, che possono essere: l'ipertensione, la stenosi aortica, l'infarto del miocardio.

Cosa accade nell’emiblocco anteriore sinistro

L'emiblocco anteriore sinistro è una
patologia che interessa la componente elettrica cardiaca

Il normale impulso elettrico che permette al cuore di contrarsi regolarmente ha un decorso lineare: nodo senoatriale, nodo atrioventricolare, fascio di His, branca destra e sinistra (anteriore e posteriore). Elettrocardiograficamente equivalente a onda P, complesso QRS, onda T.

Quando vi è una condizione patologica che blocca il segnale a livello della branca sinistra, ultima parte del ciclo, che abbraccia e permette la contrazione del ventricolo sinistro, avremo delle modificazioni a livello dell’elettrocardiogramma pari a:

  • Piccola onda Q e alta onda R, nelle derivazioni I e AVL
  • Piccola onda R e profonda onda S, nelle derivazioni II, III e AVF
  • Deviazione dell'asse elettrico verso sinistra

Tale modificazione viene definita Emiblocco Anteriore Sinistro proprio perché l’impulso elettrico viene bloccato a livello del fascio della branca sinistra anteriore a causa di un disturbo o lesione che lo interessa.

Cause di emiblocco anteriore sinistro

Le cause che possono portare alla presenza di un emiblocco anteriore sinistro sono:

Sintomi e complicanze di emiblocco anteriore sinistro

La sintomatologia è spesso assente, quindi il paziente non avverte nulla. Nei casi in cui vi fosse la manifestazione di qualche sintomo, possiamo avere episodi di pre-sincope o sincope.

La complicanza maggiore cui può andare incontro è la morte cardiaca improvvisa.

Diagnosi e trattamento di emiblocco anteriore sinistro

Considerando la rara presenza di sintomi nei pazienti portatori di emiblocco anteriore sinistro, la diagnosi viene fatta per lo più durante controlli di routine o per altre motivazioni.

La diagnosi si effettua tramite esecuzione e lettura di elettrocardiogramma, al quale appariranno le modificazioni sopra descritte.

Il trattamento dei pazienti che presentano un emiblocco anteriore sinistro è volto alla gestione della causa scatenante la patologia. Perciò si deve, una volta fatta diagnosi, ricercare cosa la provoca e iniziare un trattamento terapeutico mirato.

Infermiere
Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)