Nurse24.it

testimonianze

Infermieristica? È come un tatuaggio

di Redazione

L’infermieristica non è una facoltà, ma uno stile di vita, quando si entra dentro quel luogo che formerà i nuovi professionisti, già si sa chi sarà colui che continuerà e chi lascerà, come se esistesse un “totostudenteinfermieristico” per l’università, nel quale si può trovare la quota per ogni ragazzo affiancato da una descrizione accurata della sua vita.

Non sono un tirocinante, sono un infermiere

tatuaggio infermiera

Una ragazza si è tatuata il lavoro della vita: fare l'infermiera

Questa scelta di vita è come una partita di calcio solo che non dura 90°, ma dura tre anni di studi universitari, due anni di master e trentacinque anni di lavoro.

Toccherebbe giocare in difesa tutti i quarantacinque anni oppure cambiare più volte il modulo; il punto è che questo indirizzo di studio è come un tatuaggio, una volta scelto non si può cambiare, non si può tornare indietro e questo perché non è una semplice facoltà, ma è la stessa vita.

Le cose fondamentali durante la formazione, sia teorica sia pratica sono: mettere tutto se stesso, sentire con sicurezza ciò che si fa ed essere sicuri di sé per ogni singola procedura mostrare la vera paura e la vera forza interiore, il non vergognarsi di piangere per la morte di un paziente o di un suo abbraccio con una frase di ringraziamento seguita dal tuo nome.

È importante non dimenticare nulla e nessuno, ricordarsi i momenti belli e soprattutto quelli brutti, perché saranno questi ultimi a formare il vero spirito infermiere e a confermare la scelta, sottolineando la forza di volontà del ragazzo stesso.

Perché proprio quei momenti metteranno in difficoltà la scelta fatta, saranno le prime perdite dei pazienti a farci piangere e dubitare di noi stessi, fino al momento in cui ci guarderemo allo specchio, con gli occhi lucidi e rossi, con la divisa sporca di tutto ciò che ci rimbalza contro, e gli urleremo contro:

Non sono un tirocinante, sono un infermiere

Mattia Colagrossi, infermiere

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)