Nurse24.it

Emergenza-Urgenza

Violenza contro i sanitari. Palermo, allarmi portatili e spycam

di Paola Botte

    Successivo

Arginare gli atti di violenza subiti dai medici e da tutti i professionisti della sanità, soprattutto nelle aree di emergenza, di continuità assistenziale e di prima accoglienza. È questo l'obiettivo che ci si è posti a Palermo con la presentazione del protocollo di rilevazione degli atti di violenza a danno degli operatori sanitari e sindrome da burnout correlata.

Palermo dice no alla violenza contro gli operatori sanitari

spycam

Previste anche delle spycam in ospedale

A realizzare il progetto, che ha avuto il via libera da parte del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, l'associazione scientifica Hospital & Clinical Risk Managers, l'ordine dei medici e l’azienda ospedaliera universitaria Paolo Giaccone, con la collaborazione di diverse aziende sanitarie regionali.

Nella pratica il protocollo mira a riorganizzare le strutture ad esempio installando impianti di allarme o altri dispositivi di sicurezza come pulsanti antipanico, allarmi portatili; impianti video a circuito chiuso nei luoghi più a rischio; eventuali metal-detector per rilevare la presenza di armi metalliche e puntare sulla presenza continua di un funzionario di pubblica sicurezza. 

Ma la riorganizzazione riguarda anche il lavoro a domicilio, attivando procedure che rendano più sicuro l'intero ciclo assistenziale. Ad esempio inviando a domicilio insieme al professionista un accompagnatore oppure comunicando ad un secondo operatore gli spostamenti del primo. La sicurezza però parte anche dalla formazione di tutti coloro che sono coinvolti nell'assistenza, a partire dal management per finire con il personale di sicurezza delle strutture sanitarie.

L'idea di dedicarsi a un progetto tanto impegnativo nasce da una preoccupazione oggettiva che fa riferimento a dati allarmanti, i quali purtroppo non sono neanche tutti. Infatti - dice Fabrizio De Nicola, commissario del Policlinico Giaccone, capofila del progetto - alcuni episodi non vengono neanche denunciati e questo è un errore.

Secondo la Joint Commission, - si legge nel comunicato stampa Hcrm - dal gennaio 1995 al dicembre 2016, ci sono stati 141 eventi sentinella legati ad aggressione, violenza e omicidio. Solo gli infortuni accaduti nelle strutture ospedaliere e denunciati all’Inail, per qualifica professionale e modalità di accadimento, nell’anno 2015, ammontano a 429, di cui 234 su infermieri e 7 su medici.

I più martoriati - continua la nota - sono gli operatori dei servizi di emergenza-urgenza e di geriatria; quelli delle strutture psichiatriche ospedaliere e territoriali, le aree di attesa e i servizi di continuità assistenziale. Una stima del Bureau of Labor Statistics statunitense (agenzia statistica governativa che raccoglie, elabora, analizza e diffonde i dati statistici essenziali al pubblico americano) registra un tasso di incidenza di aggressione non mortale pari a 9,3 per 10 mila, contro un valore di 2 per 10mila nei lavoratori delle industrie del settore privato.

Il protocollo terrà conto dei fattori di rischio che mutano da struttura a struttura e dipendono da: tipologia di utenza, servizi erogati, ubicazione e dimensione.

Il ridotto numero di personale sanitario e le lunghe attese nelle zone di emergenza e nelle aree cliniche non favoriscono di certo il contenimento del fenomeno.

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, in collegamento telefonico durante la presentazione ha affermato: Occorre far comprendere alla cittadinanza che i medici, gli infermieri e i sanitari lavorano per i cittadini e spiegare le difficoltà di questo lavoro, in cui si fanno grandi sacrifici personali. In tal senso è importante anche il ruolo degli ordini professionali e delle associazioni. È questa una battaglia che dobbiamo fare tutti insieme. La violenza contro il medico entra in una visione negativa e involuta della nostra società, che non sa più comprendere questa attività.

Questo protocollo - evidenzia il presidente dell’Associazione Scientifica Hospital & Clinical Risk Managers, Alberto Firenze - nasce da un percorso condiviso con l’Università La Sapienza che pone l’attenzione sui rapporti e la comunicazione medico-paziente. La violenza è un segnale di disaffezione verso il ruolo del medico.

Occorre - aggiunge - un impegno culturale di sensibilizzazione sulla cittadinanza, ma per prevenire gli eventi bisogna anche operare un censimento, cioè raccogliere il livello di qualità percepita dall’utente.

Ritorna al sommario del dossier Rianimazione

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)