Nurse24.it
Scopri il corso su hecm.it

tecnologie e App

Arresto cardiocircolatorio, arriva un'app per i soccorsi

di Paolo Vaccarello

Emergenza Urgenza

    Successivo

Un’app che identifica i defibrillatori più vicini e chi può intervenire in caso di arresto cardiocircolatorio. La tecnologia è stata presentata in Regione Emilia e si chiama “DAErespondER”.

Arresto cardiaco, arriva un’app in Emilia Romagna

daeresponder

L'app DAErespondER

La Regione Emilia Romagna ha presentato una nuova app per smartphone iOS e Android in grado di aumentare la casistica di defibrillazione precoce ad opera dei cosiddetti first responder.

L'app dal nome DAErespondER è scaricabile gratuitamente dai rispettivi app store e permette, una volta registrati, di essere inseriti in un sistema di allentamento precoce in caso di arresto cardiocircolatorio. È ormai noto agli addetti ai lavori che la terapia elettrica cardiaca (defibrillazione) in caso di arresto cardiocircolatorio se praticata entro 3-5 minuti dall’arresto e insieme al massaggio cardiaco (RCP) aumenta la sopravvivenza addirittura di oltre il 50%.

Quindi l'intervento dei first responder diventa il più delle volte decisivo e fa la differenza tra la vita e la morte. L'app è integrata con il sistema operativo e cartografico delle tre centrali operative 118 regionali (Emilia Est, Emilia Ovest e Romagna). Al suo interno è presente una mappa con la dislocazione dei DAE presenti in totem o teche stradali o all'interno di strutture sia pubbliche che private con tutte le eventuali indicazioni di orari di apertura e disponibilità di accesso in quel momento. Infatti, i responsabili di queste strutture hanno l'obbligo di comunicazione alla centrale 118 territorialmente competente ed attualmente sono presenti 1.500 DAE su tutto il territorio. 

Quando la centrale 118 identifica una chiamata di sospetto arresto cardiocircolatorio attiva una funzione detta codice blu e di conseguenza il sistema manda una notifica ai possessori dell'app, contenente l'indicazione del luogo con la distanza e, naturalmente, l’ubicazione del DAE più vicino. A quel punto il first responder potrà fornire la disponibilità a intervenire senza dover chiamare nessuno.

Ritorna al sommario del dossier Emergenza Urgenza

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)