Nurse24.it
Iscriviti ai webinar di B. Braun

Libera professione infermiere

Indennità Covid-19, Enpapi stanzia 2 milioni di euro

di Redazione

L'Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della Professione Infermieristica (ENPAPI) ha stanziato 2 milioni di euro per l'erogazione di un indennizzo destinato agli infermieri liberi professionisti che, impegnati in prima linea nell’emergenza sanitaria, risultino positivi al coronavirus o che siano costretti anche alla sola quarantena precauzionale. La misura di sostegno sarà riconosciuta, nella misura del 50%, anche ai titolari di pensione o di un contestuale rapporto di lavoro dipendente part-time.

Enpapi: tutela infermieri SARS-CoV-2 positivi o sottoposti a isolamento

Il Consiglio di Amministrazione – sulla scorta di quanto disciplinato dall’art. 26 del Decreto Cura Italia che equipara alla malattia il periodo trascorso in quarantena – ha deliberato uno stanziamento di 2 milioni di euro per l’erogazione di un indennizzo per tutti quegli infermieri che, in prima linea nell’emergenza sanitaria, risultino positivi al coronavirus o che siano costretti anche alla sola quarantena precauzionale per un periodo inferiore ai 30 giorni, occorso tra il 1° febbraio e il 30 giugno 2020.

Questo intervento - specifica Enpapi in una nota - affiancato al pacchetto assistenziale già regolamentato dall’Ente, svolgerà una funzione di protezione mirata nei casi in cui il periodo di inattività, causata dal contagio o dall’isolamento, sia inferiore ai 30 giorni previsti dalla regolamentazione vigente per poter presentare la domanda di indennità di malattia.

Lo stanziamento sarà ripartito per tutte le domande che perverranno e, pertanto, l’importo della copertura sarà determinato sulla base del numero complessivo di istanze e non sarà soggetto a trattenuta fiscale.

Commento (0)