Nurse24.it
Scopri i webinar gratuiti su Salute.LIVE

Emergenza-Urgenza

Ambulanze in tilt: Mancano numeri civici e tardano i soccorsi

di Redazione

    Successivo

Inesistenti. Non corretti ed in alcuni casi nascosti. Sono queste le caratteristiche dei numeri civici in alcune strade della città. Una situazione, a tratti paradossale, che crea disagi e soprattutto disservizi ai mezzi di soccorso e agli stessi operatori dell’emergenza, per i quali i tempi di intervento sono nella maggior parte dei casi determinanti. A lanciare l’allarme sono gli operatori del 118, spesso presi di mira anche per pochi secondi di ritardo.

Salerno: Mancano i numeri civici e le ambulanze vanno in tilt

Un ambulanza del servizio 118

Così è accaduto nelle settimane scorse, quando l’equipaggio del numero di emergenza sanitario è stato aggredito verbalmente dai familiari di un paziente perché a loro dire troppo lenti nei soccorsi. Ma il motivo non era molto facile da spiegare perché la causa era proprio la mancanza di un numero civico, capace di far identificare all’operatore il luogo dell’intervento.

Ad essere interessate dalla vicenda - come riporta Il Mattino di Salerno - le zone centrali della città come il rione Gescal dove il numero civico dei palazzi è nascosto o meglio posizionato all’interno di portoni o cortili. In questa circostanza, dalla strada risulta molto difficile individuarlo.

Altro caso è quello di targhette con numeri civici vecchi e non ancora aggiornati che creano altrettanta confusione e ritardi. Ma non basta, perché ci sono anche palazzi, condomini e case che si trovano in strade senza numero civico.

Per gli operatori dei soccorsi trovare la giusta posizione dove si trova chi ha chiesto aiuto è davvero un’impresa. Neanche le nuove tecnologie riescono ad essere un valido supporto per gli operatori. I navigatori satellitari di qualsiasi marca vanno letteralmente in tilt ed occorre fidarsi delle indicazioni di passanti e residenti. Quando si trovano e sono disponibili, ma la notte è difficile trovare anche quelli. Il tutto con l’aumento inesorabile dei tempi di intervento.

Ritorna al sommario del dossier Rianimazione

Iscriviti

Commento (0)