Nurse24.it

Patologia

Orchite

di Sara Pieri

L’orchite è una patologia di origine infiammatoria a carico dei testicoli che può essere di origine virale e tipicamente causato dal virus della parotite, oppure di origine batterica legata a infezione delle vie urinarie, epididimite estesa al testicolo, malattie sessualmente trasmissibili. Fra i pazienti colpiti, nella maggior parte, l’orchite interessa un solo testicolo (monolaterale), ma può presentarsi anche bilateralmente e solo in una piccola percentuale di casi può causare sterilità, temporanea o definitiva.

Sintomi di orchite

I sintomi di orchite sono quelli tipici di ogni infezione: arrossamento, dolore, edema, alterazione funzionale più aumento di volume e consistenza

I sintomi di orchite sono quelli tipici di ogni infezione: calore della zona infiammata, arrossamento, edema, dolore e alterazione funzionale (calor, rubor, tumor, dolor, functio lesa) a livello testicolare con aumento di volume e di consistenza.

Talvolta può essere associata ematuria, ingrossamento dei linfonodi inguinali, brividi, iperpiressia, dolore addominale.

Diagnosi di orchite

Per poter fare diagnosi di orchite potrebbe essere sufficiente un’accurata anamnesi ed esame obiettivo del paziente, ma considerando la facilità di presentazione della medesima sintomatologia, talvolta sfumata, che potrebbe essere riferibile ad altri quadri patologici acuti - come ad esempio la torsione testicolare - si può rendere utile fare diagnosi differenziale tramite l’esecuzione di ecocolordoppler testicolare.

urinocoltura possono essere utili per avere informazioni aggiuntive in merito allo stato flogistico in atto e al patogeno responsabile del quadro clinico oggetto di studio.

Come si cura l’orchite

Il trattamento dell’orchite è volto a risolvere la causa che ha scatenato la patologia: analgesici per ridurre il dolore, antinfiammatori e/o cortisonici per controllare lo stato flogistico, applicazione di ghiaccio locale per ridurre edema e dolore, antibiotici in caso di infezione batterica. Infine, è consigliato osservare assoluto riposo fino a completa risoluzione del quadro.

Il ricorso alla chirurgia si può presentare necessario in quadri complicati, laddove vi sia anche la presenza di raccolte purulente associate (piocele) le quali vanno evacuate.

Complicanze legate all’orchite

Le complicanze che ne derivano possono essere legate ad un eventuale sovrapposizione di patologie acute quali torsione testicolare, che può essere causa diretta o indiretta di orchite; tali condizioni, se non trattate tempestivamente, portano a danni irreversibili tali da rendere indispensabile la rimozione chirurgica del testicolo interessato.

Se non trattata accuratamente l’orchite può sfociare in quadri cronici che compromettono la spermatogenesi causando atrofia muscolare e inibizione della produzione di spermatozoi. Altra complicanza che potrebbe verificarsi è la formazione di sacche purulente a livello scrotale che vanno a complicare lo stato infiammatorio già presente.

Prevenzione

L’orchite di tipo virale può essere prevenuta tramite la vaccinazione per la parotite, mentre per quelle di origine batterica è necessario praticare rapporti sessuali protetti.

Infermiere
Articoli correlati

Commento (0)