Nurse24.it
iscriviti al corso LIS a Milano

Patologia

Cisticercosi

di Ilaria Campagna

Infezione causata dalle larve del parassita Taenia solium, la cisticercosi è diffusa in aree con scarse condizioni igienico-sanitarie. Può colpire diverse parti del corpo come i muscoli, il cervello, il midollo spinale e gli occhi. I segni clinici della malattia variano a seconda della localizzazione corporea e la diagnosi è orientata a rintracciare le uova del parassita. La terapia della cisticercosi si basa sull’utilizzo di farmaci antinfiammatori e antiparassitari.

Cos’è la cisticercosi

Taenia solium, parassita che causa l'infezione

La cisticercosi è un'infezione causata dal parassita Taenia solium (T. solium ), che comporta lo sviluppo cisti in diverse parti del corpo, ma non nel tratto intestinale. La cisticercosi è particolarmente diffusa in aree con scarse condizioni igienico-sanitarie come Sud America, Africa subsahariana e Asia.

Cause e fattori di rischio

La cisticercosi è causata dalle uova di T. solium che, una volta ingerite, si trasformano in larve (chiamate cisticerchi) in vari organi del corpo umano. I fattori di rischio includono il consumo di carne di maiale (cruda o poco cotta), frutta e verdura contaminata da Taenia solium a causa di una cottura insufficiente o di una preparazione impropria del cibo. Le uova di T. solium possono essere ingerite anche attraverso il contatto con le feci di una persona infetta (trasmissione oro-fecale da uomo a uomo).

Segni e sintomi di cisticercosi

I segni clinici della cisticercosi sono variabili e interessano prevalentemente i muscoli, il cervello, il midollo spinale e gli occhi. L'infezione dei muscoli di solito è asintomatica, mentre per le restanti localizzazioni i sintomi variano a seconda della parte del corpo in cui si verifica l’infezione:

  • Cervello e midollo spinale (neurocisticercosi): cefalea, crisi epilettiche o sintomi simili a quelli di un tumore al cervello
  • Occhi: riduzione della visione o cecità
  • Cuore: ritmo cardiaco anomalo o raramente insufficienza cardiaca
  • Colonna vertebrale: disturbi della deambulazione

Diagnosi di cisticercosi

La diagnosi di cisticercosi si pone grazie a diversi esami:

  • Esami del sangue per rilevare gli anticorpi diretti contro la T. solium
  • Esame delle feci
  • Biopsia nella zona interessata
  • Puntura lombare
  • TC, risonanza magnetica o RX per rilevare la lesione causata dal parassita

Trattamento della cisticercosi

Il trattamento della cisticercosi si basa sull’utilizzo di antinfiammatori corticosteroidi e su antiparassitari come albendazolo o praziquantel. In caso di neurocisticercosi possono essere associati alla terapia anche farmaci antiepilettici. In alcuni casi inoltre, può essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere la zona infetta.

Iscirviti al corso LIS a Milano

Commento (0)