Nurse24.it
scopri i vantaggi della convenzione

Patologia

Galattosemia

di Chiara Vannini

La galattosemia è una malattia genetica metabolica, caratterizzata dall’incapacità, da parte dell’organismo, di trasformare il galattosio in glucosio. Poiché questa trasformazione avviene nel fegato, qualora si fosse affetti dalla patologia, è proprio nel fegato che si può accumulare il galattosio dando origine ad insufficienza epatica.

Cosa è la galattosemia

E’ una malattia genetica autosomica recessiva, che viene trasmessa nel momento in cui entrambi i genitori sono portatori sani del gene malato; può manifestarsi fin dalla nascita e ha un’incidenza di 1 caso ogni 40.000 nuovi nati. E’ una patologia grave che, se non trattata precocemente, può essere mortale. La galattosemia è di tre tipi, sulla base dell’enzima coinvolto nella trasformazione del galattosio in glucosio:

  • galattosemia di tipo I, dovuta ad un deficit di enzima galattosio1-fosfato-uridil-transferasi (GALE)
  • galattosemia di tipo II, dovuta ad un deficit di enzima galattokinasi (GALK)
  • galattosemia di tipo III, dovuta ad un deficit di enzima uridina-difosfato-galattosio 4-epimerasi (GALE)

Segni e sintomi di galattosemia

I segni e i sintomi iniziali che possono manifestarsi sono:

Se non diagnosticata precocemente, i disturbi legati alla galattosemia peggiorano dando luogo a:

In età adulta, la galattosemia può dare ritardo dello sviluppo psicomotorio e del linguaggio, e nelle femmine può manifestarsi ritardo della pubertà.

Galattosemia, la diagnosi

La diagnosi viene effettuata alla nascita attraverso lo screening neonatale che determina il livello di galattosio. I test utilizzati sono:

  • test di Beutler e Basa
  • test di Paigen

Inoltre, si possono dosare i livelli sierici e urinari di galattosi. Se i danni legati alla malattia sono già avanzati, è possibile riscontrare alterazioni dei valori ematici della funzionalità renale, epatica e della glicemia.

Per comprendere invece qual è il tipo di galattosemia di cui è affetto il bambino, è necessario lo studio genetico. Se si è già a conoscenza del gene malato nel genitore, è possibile eseguire uno screening prenatale attraverso amniocentesi o prelievo dei villi coriali, per diagnosticare ancor più precocemente la patologia.

Come si cura la galattosemia

La terapia consiste nell’eliminazione di galattosio e di lattosio nella dieta, dalla nascita e per tutta la vita, eliminando latte e latticini. Se la galattosemia viene diagnostica in epoca prenatale, la madre deve eliminare l’assunzione di galattosio e lattosio dalla dieta.

Qualora siano insorte già complicanze legate alla galattosemia, è necessario andare ad agire sui segni e sintomi dei disturbi. In particolare, nel caso di cataratta, il bambino dovrà essere sottoposto ad intervento chirurgico. Nel caso di disfunzione ovarica, sarà necessaria la somministrazione di terapia ormonale sostitutiva.

NurseReporter
Articoli correlati

Commento (0)