Nurse24.it

farmaci

Aspirina - acido acetilsalicilico

di Chiara Vannini

La molecola dell’Aspirina® è acido acetilsalicilico e fa parte della famiglia dei FANS dei salicitati. Aspirina ® è il farmaco analgesico, antipiretico e antinfiammatorio maggiormente utilizzato del quale spesso vi è un abuso e la sua tossicità viene sottostimata.

Acido acetilsalicilico, la molecola dell’Aspirina® e non solo

In commercio si trova oltre che con la denominazione Aspirina®, di cui la casa farmaceutica Bayer® detiene i diritti, con i nomi di: Ascriptin®, Flectadol®, Cardirene®, Vivin C ®, Aspirinetta®, Cardioaspirina®, solo per citare i più diffusi.

L’acido acetilsalicilico è disponibile in diversi dosaggi e in diverse forme farmaceutiche.

Ad esempio la Cardiaspirina® è 100 mg, l’Aspirina® può essere da 400 mg o 500 mg, in compresse o in compresse effervescenti.

Il Flectadol® è comunemente in fiale da 1 gr, per uso endovenoso. È inoltre presente in supposte e in cerotti transdermici.

Proprietà farmacologiche dell'Aspirina ®
Analgesico Antipiretico Effetto cardioprotettivo
Indicata per un dolore di bassa intensità e che non sia viscerale.
Particolarmente indicata in caso di emicrania, mialgia e artralgia
Abbassa rapidamente la temperatura corporea elevata Basse dosi di aspirina (< o pari a 100 mg/die) sono utilizzate frequentemente per i loro effetti cardioprotettivi.
Inoltre, il suo effetto di antiaggregante piastrinico, è utilizzato per la prevenzione e la profilassi della trombosi coronarica e dell’ictus cerebrale.
Per contro, alte dosi di salicilati possono indurre edema polmonare non cardiogeno, soprattutto nei pazienti anziani che assumono regolarmente salicilati per periodi prolungati

Farmacocinetica dei salicilati e dell’Aspirina®

Dal punto di vista della farmacocinetica:

  • Assorbimento: I salicilati assunti per via orale vengono assorbiti rapidamente, nello stomaco e nell’intestino tenue. Se assunti per via orale, raggiungono una buona concentrazione plasmatica già dopo 30 minuti e il picco dopo 1 ora dall’assunzione. La velocità di assorbimento è correlata alla velocità di disgregazione delle compresse, al pH mucosa gastrica e al tempo di svuotamento gastrico (la presenza di cibo rallenta l’assorbimento gastrico)
  • Distribuzione: Dopo l’assorbimento, i salicilati si distribuiscono in molti tessuti dell'organismo e fluidi transcellulari, principalmente mediante processi passivi che dipendono dal pH. Circa l'80-90% del salicilato plasmatico si lega alle proteine, in modo particolare all'albumina
  • Biotrasformazione ed escrezione: La biotrasformazione dei salicilati avviene in molti tessuti, ma in modo particolare nel reticolo endoplasmatico e nei mitocondri epatici. L'emivita plasmatica dell'Aspirina® è di circa 20 minuti e quella dei salicilati va dalle 3 ore alle dosi antipiastriniche (100 mg), fino a 12 ore alle dosi antinfiammatorie (500 mg).
Effetti collaterali dell'Aspirina ®
Stomaco Fegato Sangue
I salicilati possono provocare dolore epigastrico, nausea e vomito.
Se assunti per lunghi periodi senza gastroprotezione, possono causare anche ulcere gastriche ed
un peggioramento della patologia gastrica preesistente, fino ad emorragia gastrointestinale e gastriti erosive
I salicilati possono causare danno epatico, se assunti ad alte dosi per un lungo periodo.
Il danno non è un effetto acuto, l'insorgenza avviene dopo molti mesi di trattamento e si manifesta con un
aumento delle transaminasi agli esami ematici e dolore addominale in ipocondrio destro.
Di solito l’effetto è reversibile alla sospensione dei salicilati
L’Aspirina® prolunga il tempo di sanguinamento e per questo motivo è controindicata
nei pazienti con danno epatico grave, deficit di vitamina K, gravi problemi di coagulazione,
poiché andando ad inibire l'emostasi piastrinica può provocare emorragia
NurseReporter
Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)