Nurse24.it
iscriviti al webinar gratuito >

Area medica

Medicina ospedaliera, 5 raccomandazioni da Animo

di Angela Cuoco

La filosofia della Slow Medicine si propone di ridurre le prestazioni inappropriate che rappresentano oltre che uno spreco di risorse, non offrendo benefici tangibili ai pazienti, anche una fonte di maggiori rischi. Anche Animo ha formulato le sue 5 raccomandazioni.

Raccomandazioni Animo per Slow Medicine

Anche l'Associazione Nazionale Infermieri di Medicina Ospedaliera (ANIMO), come Aniarti e Aiuro, ha risposto all’invito della Federazione Ipasvi a seguire la filosofia della Slow Medicine producendo 5 raccomandazioni.

Animo, fondata con lo scopo della promozione e dello sviluppo professionale degli infermieri per migliorare l'assistenza alla persona e alla collettività, ha rappresentanze in ogni regione italiana.

Secondo Animo l’Infermiere di Medicina Interna è quel professionista che:

  • riesce a leggere i bisogni assistenziali dei propri utenti;
  • riesce a mettere in atto metodologie di prevenzione su vasta scala;
  • cura l'ingresso e l'organizzazione della degenza;
  • costruisce un percorso diagnostico terapeutico complesso;
  • gestisce problematiche terapeutiche;
  • gestisce autonomamente situazioni di emergenza ed affronta situazioni difficili di confronto costante con la sofferenza e la morte;
  • promuove e organizza iniziative scientifiche, culturali e di ricerca, collabora con le università e le agenzie formative per lo sviluppo e la formazione continua degli associati.

Le cinque raccomandazioni Animo

Commento (0)