Nurse24.it

Emergenza-Urgenza

Puglia, nasce l'Agenzia regionale emergenza urgenze

di Redazione

Stiamo trasformando il 118 che era un mix tra volontariato e ciò che esisteva sul territorio, in una azienda, in una Asl che strutturerà e professionalizzerà tutti i medici, gli infermieri, gli autisti, i soccorritori e darà loro uno status molto più rilevante e quindi non c'è alcun pericolo. Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, presenta così ai componenti della III commissione consiliare - la commissione Sanità - l'Areu, l'Agenzia regionale emergenza urgenze spiegata in un disegno di legge composto da 17 articoli.

Emergenza 118, in Puglia arriva l'Areu. Emiliano: Svolta importante

La commissione Sanità Regione Puglia

Il ddl ha passato l'esame della commissione con sei voti favorevoli e quattro astenuti. Il testo sarà in seguito discusso - ed eventualmente emendato - in Consiglio regionale.

Nel corso della riunione sono emerse - evidenziate da alcuni consiglieri di opposizione - criticità legate alle modalità di assunzione del personale da parte della nuova azienda sanitaria.

Timori inesistenti secondo il Governatore, che specifica: È chiaro che chi non ha i requisiti per fare il 118, teme di non poter partecipare a una nuova azienda ma non dovrebbe stare neanche adesso nel 118. Quindi sono timori infondati nella misura in cui fanno riferimento a persone che hanno i requisiti per far parte di un equipaggio del 118.

Le modalità di assunzione sono definite nella Costituzione, ci vogliono dei concorsi - annuncia - È chiaro che nelle more dei concorsi ci sarà una normativa temporanea nella quale i medici che sono attualmente convenzionati, cioè che sono dei liberi professionisti e che vorranno continuare a fare i liberi professionisti per un certo periodo potranno probabilmente continuare a farlo, chi invece vorrà essere assunto subito, parteciperà ai concorsi e verrà assunto immediatamente perché purtroppo di medici di 118 ce ne sono pochissimi, siamo sempre scoperti per cui se facciamo un concorso dovremmo assumere tutti.

L'agenzia migliora l'attuale situazione dipartimentale perché - spiega il governatore - è più centralizzato, c'è un unico responsabile, c'è un unico investitore del danaro, c'è un unico soggetto che assume le persone e non c'è soprattutto quello "sfruttamento della manodopera" sotto la forma del volontariato che è bellissima quando è volontariato puro, ma quando nasconde uno sfruttamento del lavoro non va bene.

Questa nuova azienda potrà investire sulla formazione del personale, il personale potrà fare corsi di formazione professionale, di aggiornamento, potrà investire in mezzi; insomma è uno sforzo economico che la Regione sta facendo soprattutto per una ragione: perché la medicina di urgenza è la cosa più importante che c'è, ha continuato Emiliano e ha concluso: Perché quei 15 minuti che noi alle volte confondiamo pensando che un 118 o un pronto soccorso servano quando uno ha la colica renale, invece no il 118 serve a salvare la vita delle persone.

Ritorna al sommario del dossier Emergenza Urgenza

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)