Nurse24.it
Preparati con il corso di aggiornamento e preparazione al Concorso OSS

Risorse OSS

Igiene della protesi dentaria del paziente

di Paola Botte

Tecniche Igiene OSS

    Precedente Successivo

Diversi milioni di italiani "over 65" portano una protesi dentaria, molti altri anche al di sotto di questa fascia d'età. È dunque statisticamente probabile che più di una volta nella propria vita lavorativa, un Operatore socio sanitario debba trovarsi a gestirne una. In questo contesto, diventa importante saperle distinguere, pulire e conservare.

Pulizia della protesi dentaria: La procedura per l'igiene della dentiera

simulazione igiene orale

Simulazione: Spazzolare i denti della dentiera dall'alto verso il basso

La bocca, insieme agli occhi, sono il nostro biglietto da visita. Quando incontriamo qualcuno, questi presumibilmente si soffermerà sul nostro sguardo e il nostro sorriso. E se la dentatura sarà curata non avremo paura a mostrarlo. Se al contrario sarà sporca magari proveremo imbarazzo a parlargli.

Stessa cosa vale per chi al posto dei denti naturali porta una protesi dentaria. C'è un'aggravante però, e cioè che chi ha in bocca un impianto o una dentiera forse si sente già a disagio a parlare, mangiare e ridere in presenza di altre persone. E magari sta soffrendo anche di problemi legati all'adattamento della protesi come dolori, difficoltà a muovere la bocca, a masticare, secchezza della mucosa orale, ecc.

Occuparsi dell'igiene delle protesi dentarie di un assistito vuol dire quindi non solo garantire che la sua bocca sia sana e funzionale, ma vuol dire anche curare un fattore estetico che contribuisce al suo stato di benessere psico-fisico.

Questa premessa è fondamentale per comprendere che quando si parla di interventi assistenziali ad una persona, soprattutto se a lungodegenza, non esistono procedure di serie A e di serie B. Tutto va quotidianamente svolto con cura. A meno che non ci siano disposizioni mediche o infermieristiche prioritarie o emergenze/urgenze da gestire nell'immediato.

Accettazione del paziente e conservazione della protesi dentaria

Prima di soffermarci sull'igiene della protesi è necessario fare un passo indietro, all'accettazione del paziente.

Al momento dell'accoglienza infatti, infermieri, tecnici o Oss devono chiedere espressamente al paziente se è portatore di protesi mobile e verificarne il suo stato. Se è integra oppure no.

Questo perché serve ad attivare una serie di procedure utili alla sua conservazione, che sono:

  • consegnare al paziente un contenitore apposito, etichettato con nome e cognome. Se la persona vuole usarne uno proprio deve essere segnalato
  • compilare il "Modulo per la custodia delle protesi mobili" e farlo firmare all'utente o a chi ne fa le veci in quel momento
  • inserire il modulo nella documentazione clinica del paziente
  • far conservare al paziente immediatamente o quando sarà necessario, il contenitore con la protesi in un luogo sicuro.

Protesi dentarie: Tipologie di dentiera

Un'altra parentesi che merita di essere aperta riguarda la tipologia di dentiere.

A noi basta sapere che esiste una grande distinzione tra:

  • protesi fisse, cioè che non possono essere rimosse
  • protesi mobili, che al contrario possono essere tolte facilmente dal portatore.

Quest'ultima tipologia può essere parziale o totale. Nel primo caso, la protesi è ancorata ai denti naturali o artificiali tramite dei ganci. Nel secondo caso, la protesi sostituisce una o entrambe le arcate dentarie poggiando solo sulle mucose e sull'osso della persona.

Altre tipologie, che scorriamo velocemente sono:

  • combinata
  • fissa su impianti
  • avvitata/cementata.

Un'altra cosa da sapere è che i materiali di cui è composta la protesi sono molto sensibili e delicati, come la resina, la ceramica o i compositi e per questo motivo bisogna trattarli con massima attenzione e delicatezza.

Ritorna al sommario del dossier Tecniche Igiene OSS

Commento (0)