Nurse24.it

testimonianze

Gennaro, l'Oss che conquista Italia's Got Talent

di Leila Ben Salah

    Precedente Successivo

Gennaro Guerra è un operatore socio sanitario specializzato, ma non un Osss qualsiasi. Lui canta e canta così bene che i parenti dei pazienti lo hanno iscritto a Italia’s Got Talent, gli hanno anche pagato il biglietto per le selezioni e lui ha stravinto. Tra le standing ovation del pubblico si è guadagnato la semifinale.

Gennaro, l’Oss che canta a Italia’s Got Talent

Che Gennaro Guerra, 42 anni napoletano, fosse un talento lo avevano già capito le vecchiette e i disabili della Rsa dove lavora. Tanto che tutti i giorni non fanno che ripetergli: Tu devi andare in Tv, sei bravissimo. Così si sono rivolti ai parenti e hanno chiesto loro di fare un piccolo regalo a Gennaro: iscriverlo a Italia’s Got Talent, lo show su Tv8 condotto da Lodovica Comello con giudici Claudio Bisio, Luciana Littizzetto, Nina Zilli e Frank Matano.

Gennaro è stato chiamato per le selezioni a Rimini, verso settembre. Sono andato con il biglietto del pullman pagato dai miei pazienti – racconta il talent man a Nurse24.it – e se sono arrivato fin qui lo devo solo a loro. Passata la selezione a Rimini, Gennaro è stato chiamato ad Avellino, dove è stata registrata la puntata di venerdì scorso. Un vero e proprio successo. Avevo smontato dalla notte ed ero stanchissimo – dice – tanto che mia sorella mi ha accompagnato in auto perché aveva paura che mi addormentassi al volante.

Gennaro è il cantante preferito della Rsa, dove lavora da circa un anno. Canta per loro in ogni situazione. Quando non vogliono prendere le medicine – racconta – gli infermieri mi chiamano e mi dicono: Gennà vieni a cantà! E io arrivo, intono una canzone e il gioco è fatto. E la pillola va giù.

Florence Nightingale

E ancora prima di pranzo o cena a mensa. Salgo su una sedia, prendo il tamburello – dice – e mi metto a cantare come fossi in un gran teatro. I vecchietti si alzano anche dalle sedie a rotelle!.

Purtroppo però Gennaro non riceve lo stipendio da otto mesi e a malincuore deve dire addio ai suoi tanto amati pazienti. Mi piange il cuore – spiega -, ma non posso continuare così. Se ho tirato avanti finora è solo per l’amore che ho verso di loro. Ma ho bisogno di lavorare e di guadagnare di che vivere. Sta cercando lavoro. Sì, sogna di diventare un cantante professionista. Ma Gennaro è uno con i piedi per terra. E poi ama troppo questo lavoro.

Quando ero sul palco – continua – non vedevo nulla. Ero stanco, avevo appena smontato dalla notte e avevo i riflettori puntati sugli occhi. Ma avevo loro, i miei pazienti, nel cuore e nella mente. E ho cantato per loro. E sulle polemiche perché Luciana Littizzetto lo ha chiamato infermiere, Gennaro taglia corto: È stata una sua affermazione, io l’ho spiegato che sono un operatore socio sanitario specializzato. D’altronde le polemiche sono venute solo da qualcuno, la maggior parte degli infermieri mi ha fatto i complimenti.

Gennaro si è pagato i corsi da Oss mentre lavorava in fabbrica. È sempre stato il suo sogno prendersi cura degli altri. Tanto che quando ha tempo, confessa, preparo la pizza di maccheroni e la porto ai senzatetto.

Italia’s Got Talent: la semifinale

Per la semifinale è emozionato e si sta preparando. D’altronde, io canto sempre quando lavoro – racconta -. Non ho bisogno di allenarmi, perché mi alleno tutti i giorni con i miei pazienti. Ad aprile a Roma porterà una canzone napoletana, una di quelle che i suoi 35 pazienti riconosceranno senz’altro perché l’avranno sentita mille volte intonare per i corridoi dell'Rsa.

Ritorna al sommario del dossier Testimonianze OSS

Giornalista

Commento (0)