Nurse24.it

farmaci

Buscopan®

di Sara Pieri

Buscopan®, principio attivo scopolamina butilbromuro, ad azione antimuscarinica ed anticolinergica, è un farmaco utilizzato principalmente nel trattamento sintomatico delle manifestazioni spastico-dolorose del tratto gastrointestinale e genito-urinario; non è considerato analgesico poiché non agisce direttamente sul dolore quanto sul prevenire i crampi dolorosi e spastici.

Meccanismo d’azione di Buscopan®

Scopolamina butilbromuro

Buscopan® esercita una azione spasmolitica sulla muscolatura liscia del tratto gastrointestinale, biliare e genito-urinario. Viene somministrato per via orale, rettale, endovenosa o intramuscolare ed assorbito in minima parte.

La sua concentrazione maggiore si ha nei distretti interessati in cui esercita la propria azione: tratto gastrointestinale, dotti biliari, cistifellea, reni; viene per lo più escreto per via renale.

Interazioni

La somministrazione concomitante di Buscopan® e farmaci antidepressivi, antistaminici, antipsicotici e altri anticolinergici può aumentare l’effetto di questi; così come farmaci antagonisti della dopamina, come la metoclopramide, può determinare una riduzione dell’effetto di entrambi i farmaci.

Tachicardia indotta da farmaci beta-adrenergici può essere aumentata dalla co-somministrazione di Buscopan®. Antiacidi e Buscopan® non vanno assunti contemporaneamente, poiché gli antiacidi possono ridurre l’assorbimento intestinale degli anticolinergici. Sconsigliata l’assunzione di alcool durante il trattamento.

Indicazioni alla somministrazione di Buscopan®

Buscopan®, come tutti gli agenti anticolinergici, deve essere utilizzato con prudenza nei pazienti: anziani, con turbe del sistema nervoso autonomo, tachiaritmie, ipertensione arteriosa, insufficienza cardiaca, glaucoma ad angolo acuto, ipertrofia prostatica o altre problematiche di ritenzione urinaria, ipertiroidismo e nei portatori di patologie renali ed epatiche.

Il dosaggio consigliato per un paziente adulto è di:

  • 1 o 2 compresse da 10 mg fino a 3 volte al giorno
  • 1 supposta da 10 mg fino a 3 volte al giorno
  • 1 fiala intramuscolare o endovenosa da 20 milligrammi/millilitro più volte al giorno

Per il dosaggio corretto rivolgersi al proprio medico curante.

Buscopan® non deve essere assunto per tempi prolungati senza ricercare la causa del dolore addominale che scatena la sintomatologia.

Buscopan® in gravidanza

È preferibile evitare l’utilizzo di Buscopan® durante la gravidanza e l’allattamento.

Effetti collaterali di Buscopan®

Buscopan® può causare effetti collaterali più o meno comuni, come: tachicardia, secchezza delle fauci, ritenzione urinaria, stipsi, dispnea, reazioni cutanee, orticaria, eritema, shock anafilattico e altre manifestazioni da ipersensibilità.

Sovradosaggio: possono verificarsi effetti collaterali successivi ad un sovradosaggio di Buscopan® per i quali, in caso, è necessario rivolgersi al medico per intraprendere tempestivamente la terapia adeguata.

Infermiere
Articoli correlati

Commento (0)