Nurse24.it
entra a far parte della community di priofessionistidellasalute.it >

farmaci

Tavor® - lorazepam

di Sara Pieri

Tavor®, principio attivo lorazepam, è un farmaco appartenente alla categoria delle benzodiazepine utilizzato per il trattamento di ansia, tensione e manifestazioni somatiche di altro tipo associate a sindrome ansiosa, insonnia. Il farmaco agisce infatti stimolando il sistema dell’acido γ-amminobutirrico, detto GABA, che è il principale neurotrasmettitore inibitorio dei mammiferi. L’eliminazione del farmaco avviene in maggior parte attraverso l’escrezione urinaria.

Posologia

I pazienti che interrompono bruscamente l'assunzione della terapia possono presentare sintomi di astinenza

La somministrazione di Tavor® deve essere modulata in base alla risposta del paziente; è importante che vi sia un equilibrio tra la dose minima necessaria per il trattamento dei sintomi e la durata, che deve essere più breve possibile. Inoltre, risulta essere un rischio la presentazione di sintomi da astinenza nei pazienti che interrompono bruscamente l’assunzione della terapia, motivo per cui vi è indicazione ad una diminuzione graduale del dosaggio del farmaco; di pari passo, l’eventuale incremento della dose dovrebbe avvenire gradualmente per evitare reazioni avverse.

Grazie al suo effetto benefico sull’umore concomitante alla protezione contro gli stress psichici, Tavor® può essere somministrato in associazione a terapia antidepressiva rafforzando l’effetto, completandolo e in parte accelerandolo.

La dose raccomandata varia in base al tipo e alla severità della patologia che si vuole trattare; in linea di massima la maggior parte dei pazienti risponde ad una terapia di due/tre somministrazioni/die da 1 milligrammo, fino ad aumentare nei casi più severi a compresse da 2,5 milligrammi. Nel paziente anziano, si consiglia di non superare i 2 milligrammi/die.

Per tutti i pazienti in terapia, è consigliata la somministrazione della dose maggiore nelle ore serali per avere un sonno efficace e ottimizzare le ore diurne favorendo lo svolgimento delle attività quotidiane.

La concentrazione plasmatica di Tavor® viene raggiunta entro due o tre ore dalla somministrazione e l’emivita del farmaco è di circa 14 ore. Tavor® si può trovare in soluzione, compresse o iniettabile.

Controindicazioni all’uso di Tavor®

Tavor® è controindicato in pazienti con nota ipersensibilità alle benzodiazepine, miastenia grave, insufficienza respiratoria grave, sindrome da apnea notturna, insufficienza epatica grave.

Gravidanza

Non è indicata la somministrazione di Tavor® in gravidanza e durante l’allattamento.

Interazioni

Tavor® può indurre aumentato effetto sedativo se la sua assunzione è concomitante a quella di sostanze alcoliche. L’associazione con altri psicofarmaci deve essere valutata attentamente dal medico prescrittore.

Può indurre effetti depressivi sul sistema nervoso centrale (SNC) quando viene somministrato in concomitanza con oppioidi, alcool o altri farmaci che agiscono sul SNC come neurolettici, ipnotici, antidepressivi, antiepilettici.

Tavor® ed effetti collaterali

Tavor® può causare effetti indesiderati più o meno comuni, come: sonnolenza nelle ore diurne, alterazione della libido, atassia, confusione mentale, nausea, debolezza muscolare, affaticamento. Più rari: vertigini, ipotermia, ritenzione urinaria, disfunzioni epatiche.

Sovradosaggio

Si manifesta in vari gradi di depressione del SNC che varia da obnubilamenti, disartria, confusione mentale fino a stati di coma. Problematiche da sovradosaggio si verificano predominantemente in combinazione con assunzione di alcool e/o altri farmaci.

A seguito di assunzione di dosi eccessive per via orale si può rendere necessaria l’induzione del vomito (entro un’ora dall’assunzione) in pazienti vigili, oppure intraprendere un lavaggio gastrico con protezione delle vie aeree in caso di paziente incosciente. Per ridurre l’assorbimento deve essere somministrato carbone attivo.

È disponibile in commercio anche l’antidoto, flumazenil, che può essere somministrato in caso di intossicazione acuta per antagonizzare il legame delle benzodiazepine sul recettore GABA.

Infermiere
entra a far parte della community di priofessionistidellasalute.it >
Articoli correlati

Commento (0)