Nurse24.it
entra a far parte della community di priofessionistidellasalute.it >

Emergenza-Urgenza

RCP e principali modifiche nei sistemi sanitari

di Giacomo Sebastiano Canova

La sopravvivenza dopo l’arresto cardiaco richiede un sistema integrato di professionisti, formazione, attrezzature e organizzazioni. Gli astanti disponibili, coloro che effettuano la manutenzione di DAE, le telecomunicazioni dei servizi di emergenza e i fornitori di BLS e ALS che lavorano all’interno dei servizi di emergenza contribuiscono tutti al successo della rianimazione durante un arresto cardiaco extra-ospedaliero.

Riepilogo delle questioni chiave e delle modifiche principali

All’interno degli ospedali, il lavoro di medici, infermieri, fisioterapisti respiratori, farmacisti e altri professionisti supporta i risultati della rianimazione. Il successo della rianimazione dipende anche dal contributo di produttori di apparecchiature, aziende farmaceutiche, istruttori di rianimazione, sviluppatori di linee guida e molti altri.

La sopravvivenza a lungo termine richiede il supporto di familiari e caregiver professionali, inclusi esperti in riabilitazione e recupero cognitivi, fisici e psicologici. Un impegno a livello di sistema per il miglioramento della qualità a ogni livello di assistenza è essenziale per ottenere risultati di successo.

  • Il recupero continua a lungo dopo il ricovero iniziale ed è un componente critico delle catene di sopravvivenza della rianimazione
  • Gli sforzi per supportare la capacità e la volontà dei membri del pubblico in generale di eseguire la RCP e utilizzare un DAE migliorano i risultati della rianimazione nelle comunità
  • Nuovi metodi per utilizzare la tecnologia fonetica mobile per avvisare i soccorritori non professionisti di eventi che richiedono la RCP sono promettenti e meritano ulteriori studi
  • I sistemi di telecomunicazione del sistema di emergenza possono istruire gli astanti a eseguire la RCP con le sole mani per adulti e bambini. Il framework No-No-Go è efficace
  • I sistemi di valutazione del grado di instabilità clinica (es. MEWS e le équipe di risposta rapida possono prevenire l’arresto cardiaco sia negli ospedali pediatrici che in quelli per adulti, ma la letteratura è troppo varia per capire quali componenti di questi sistemi sono associati ai benefici
  • Gli ausili cognitivi possono migliorare le prestazioni di rianimazione da parte di non addetti ai lavori non addestrati, ma nelle impostazioni di simulazione il loro uso ritarda l’inizio della RCP. Sono necessari ulteriori sviluppi e studi prima che questi sistemi possano essere pienamente approvati
  • Si sa sorprendentemente poco sull’effetto degli ausili cognitivi sulle prestazioni dei team di rianimazione pre-ospedalieri o ospedalieri
  • Sebbene i centri specializzati in cardiologia offrano protocolli e tecnologie non disponibili in tutti gli ospedali, la letteratura disponibile sul loro impatto sugli esiti della rianimazione è mista
  • Il feedback del team è importante. I protocolli strutturati di debriefing migliorano le prestazioni dei team di rianimazione nella successiva rianimazione
  • Il feedback a livello di sistema è importante. L’implementazione della raccolta e della revisione dei dati strutturati migliora i processi di rianimazione e la sopravvivenza sia all’interno che all’esterno dell’ospedale
entra a far parte della community di priofessionistidellasalute.it >

Commento (0)