Nurse24.it

microbiologia

Batteri, cosa sono e come si classificano

di Chiara Vannini

I batteri sono microrganismi unicellulari che, a seconda della forma che assumono, prendono nomi diversi. La loro classificazione è ampia: si suddividono, infatti, sia in base alla loro capacità di vivere con o senza ossigeno sia in base all'aspetto fisio - patologico. Per studiarli è necessario allestire un terreno di coltura che permetta di valutare la crescita, la numerosità, la velocità e la motilità, ma non solo. Le informazioni che si ottengono permettono anche di comprendere la virulenza del batterio e di conseguenza la sua importanza in termini terapeutici e prognostici.

Classificazione dei batteri: forma e sopravvivenza con o senza O2

Legionella, batterio gram negativo aerobo

I batteri sono microrganismi unicellulari che si distinguono in base alla loro forma. Sono chiamati:

  • bacilli, a forma di bastoncino
  • cocchi, se sono sferici: diplococchi (2 cocchi); stafilococchi (cocchi disposti a grappolo); streptococchi (cocchi disposti a catenelle); streptobacilli (bacilli disposti a catenelle)
  • vibrioni, a virgola
  • spirilli, a spirale
  • spirochete, a cavatappi

I batteri di dividono inoltre in base alla loro possibilità di vivere o meno in presenza di ossigeno. Sono:

  • aerobi: respirano ossigeno e vivono in un ambiente in cui è presente ossigeno. Crescono solamente in presenza di O2.
  • anaerobi: vivono in ambienti privi di ossigeno, e muoiono se vengono messi in un ambiente con ossigeno. Sono ad esempio i batteri intestinali.
  • anaerobi facoltativi: vivono e crescono anche in assenza di O2, ma la loro crescita è più veloce in presenza di 02.

Patogeni o commensali, classificazione fisio – patologica dei batteri

Da un punto di vista fisio – patologico, i batteri possono essere:

  • commensali, ed essere presenti sulla superficie della cute o in un organo specifico senza provocare disturbi o generare malattie
  • patogeni, quando invece sono causa di una patologia perché si trovano in un organo diverso da quello abituale, oppure perché sono in numero troppo elevato e non possono più essere commensali. L'Escherichia Coli è, ad esempio, un batterio che risiede fisiologicamente nell'intestino, ma quando migra dall'intestino in vescica può diventare patogeno, dando origine a disturbi come la cistite.

Fra i batteri patogeni, i principali sono: cocchi Gram positivi (a loro volta suddivisi in stafilococchi e streptococchi), cocchi Gram negativi (a cui appartengono, tra gli altri, le neisserie), bacilli Gram positivi (a cui appartengono, tra gli altri, i clostridi), bacilli Gram negativi, enterobatteri e batteri atipici.

Cocchi gram positivi

I cocchi gram positivi si dividono in:

  • stafilococchi (es. stafilococco epidemidis, stafilococco aureus)
  • streptococchi (es. pneumococco, streptococcus pyogenes)
  • enterococchi (es. enterococcus faecalis)

Gli enterococchi si trovano normalmente nell'intestino e sono i maggiori responsabili delle infezioni delle vie urinarie a causa della loro facile migrazione. Il più importante è l'enterococcus faecalis.

Stafilococchi
  • coagulasi negativi
  • coagulasi positivi
  • ad es. stafilococco epidemidis il quale vive sulla cute, nelle mucose, nel tratto respiratorio ed intestinale. È di norma un commensale, ma può diventare patogeno
  • ad es. stafilococco aureus il quale è presente sulla cute, nel naso, nel faringe e nella zona perianale. Di norma è commensale, ma può diventare un importante patogeno
Streptococchi
  • alfa - emolitici
  • beta - emolitici
  • gamma - emolitici
  • lo streptococcus pneumoniae (pneumococco), è un alfa – emolitico ed è presente nelle prime vie respiratorie. È causa del 90% delle polmoniti batteriche, ma è responsabile anche di otite e sinusite
  • lo streptococcus pyogenes, è un beta – emolitico ed è presente nelle prime vie aeree e può dare faringite. In caso di complicanze, anche settiche, può dare origine a endocarditi e glomerulonefriti
  • lo streptococcus mutans, è presente nel cavo orale ed è il più comune responsabile della carie e della parodontite
  • lo streptococcus faecalis, è un non emolitico ed è presente nell'orofaringe e nell'intestino. È uno dei principali patogeni per l'endocardite

Cocchi gram negativi

Fra i cocchi gram negativi, i più importanti patogeni sono le neisserie. Nonostante siano numerose, le più patogene sono:

  • la neisseria meningitidis
  • la neisseria gonorrohoeae

La prima è l'agente patogeno della meningite e comporta un'infiammazione di meningi, encefalo e midollo. Il meningococco si deposita a livello del naso faringe, si diffonde per via ematica e raggiunge il SNC.

La seconda è l'agente patogeno della gonorrea. Si trasferisce nell'apparato genitale e si trasmette esclusivamente attraverso rapporti sessuali.

Bacilli gram positivi

Fra i bacilli gram positivi, i più importanti patogeni sono:

  • il Corynebacterium diphteriae il quale è l'agente responsabile della difterite e provoca infezioni soprattutto delle tonsille e del rinofaringe o, più raramente, di ferite cutanee.
  • il Bacillus anthracis il quale è l'agente del carbonchio, una malattia altamente infettiva che nell'uomo colpisce la cute e i polmoni.
  • i Clostridi, i più diffusi patogeni sono:

Clostridium tetani

agente del tetano, molto pericoloso perché ubiquitario; produce una tossina che agisce a livello di SNC

Clostridium botulinum

agente del botulino, una grave infezione alimentare; è causata dall'ingestione di alimenti che contengono la tossina prodotta dal batterio

Clostridium perfringens

è il principale patogeno della gangrena gassosa, infezione dei tessuti in seguito a ferite e lesioni; penetra in profondità nei tessuti, cresce e si riproduce. È anche causa di tossinfezioni alimentari, dovute all'ingestione di carni non ben conservate o che subiscono shock termici

Bacilli gram negativi

Fra i bacilli gram negativi abbiamo:

  • l'haemophilus influenzae, presente fisiologicamente nel nasofaringe e nell'orofaringe. Se patogeno, causa meningite in età pediatrica, polmoniti, otite.
  • la bordetella pertussis, l'agente patogeno della pertosse
  • lo pseudonomas del quale sono presenti numerose tipologie del batterio. Il più patogeno, tuttavia, risulta essere lo pseudonomas aeruginosa, un batterio altamente virulento e ubiquitario, spesso causa di sepsi. È in grado di infettare tutti gli organi dando sintomatologie più o meno gravi: a livello polmonare può dare polmoniti; a livello urinario dà cistiti e uretriti; a livello dell'orecchio dà otite; a livello cardiaco dà endocardite.

Enterobatteri

Gli enterobatteri sono responsabili di un gran numero di sespi principalmente a carico delle vie urinarie e del tratto gastro intestinale. Fanno parte della flora intestinale dell'uomo e sono quindi commensali.

NurseReporter
Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)