Nurse24.it

COVID-19

Impatto psicologico per gli operatori in prima linea

di Alberto Dionigi

    Precedente Successivo

Gli operatori sanitari hanno una soglia di sopportazione e capacità di reazione agli eventi avversi molto più alta della normale popolazione. Tuttavia, questa emergenza sta mettendo a dura prova la tenuta emotiva di coloro che lavorano a stretto contatto con pazienti COVID-19.

Quali emozioni provano gli operatori che assistono pazienti COVID-19

Ciò è dovuto ad una pluralità di fattori quali il rischio di contagio in prima persona, il doversi confrontare con una malattia nuova e sconosciuta, l’elevata mortalità, sofferenza per la perdita di pazienti e colleghi, i cambiamenti nelle pratiche e procedure di lavoro, necessità di fornire un maggiore supporto emotivo ai pazienti in isolamento, la fatica fisica legata all’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale a causa dell’isolamento a cui sono sottoposte.

Queste difficoltà si amplificano una volta terminato il turno di lavoro, a causa della stanchezza fisica e mentale e dell’isolamento forzato dalla propria famiglia a cui molti operatori sono tenuti.

Gli operatori che si stanno confrontando con pazienti COVID-19 possono provare una serie di emozioni, quali:

  • Ansia: data dalla paura di essere contagiati e di essere essi stessi veicolo di contagio per i propri cari
  • Impotenza: essendo il coronavirus un “nemico invisibile” e (al momento) senza una cura precisa, può aumentare il proprio senso di frustrazione
  • Senso di colpa: inerente l’aver contagiato qualche altra persona o per sentire di non riuscire a fare quanto si vorrebbe
  • Rabbia: data dalla carenza di dispositivi di protezione e dall’impossibilità di svolgere al meglio il proprio lavoro di cura e assistenza

Azioni mirate al contenimento dello stress

Il protrarsi di questi eventi stressanti può portare a sviluppare sintomatologie psicologiche più marcate quali depressione, disturbi d’ansia e il disturbo post traumatico da stress. Per questo motivo è importante tenere monitorato il proprio stato di salute psicologica e intraprendere azioni mirate al contenimento dello stress, nel caso in cui l’operatore presenti:

  • Insonnia
  • Nervosismo, sia fra colleghi, sia in famiglia
  • Incapacità a “staccare” la testa una volta terminato il proprio turno lavorativo
  • Difficoltà di concentrazione e memoria
  • Stanchezza cronica
  • Immagini intrusive di situazione drammatiche vissute durante il lavoro
  • Attivazione di allerta costante
  • Senso di estraneazione una volta rientrati a casa

Alcune delle strategie maggiormente utilizzate per la gestione dello stress, consistono in:

  • Rimanere nel qui ed ora: non sappiamo quando questa pandemia terminerà, ma pensare al futuro ora non fa altro che accrescere lo stato di allerta e la conseguente ansia. È prioritario concentrarsi sul lavoro da fare nel corso della giornata, senza pensare a quello che potrà essere domani o fra una settimana
  • Praticare il rilassamento: ritagliarsi un momento (anche cinque minuti) per sé stessi, in modo da scaricare le tensioni della giornata passata
  • Cercare di mantenere stili di vita salutari: mangiare in modo sano, idratarsi a sufficienza e ridurre l’assunzione di caffeina, nicotina e alcool
  • Riposarsi: è importante cercare di dormire sufficientemente. Può aiutare impostare la sveglia per coricarsi, in modo da darsi un orario prestabilito. Spesso si procrastina l’orario della messa a letto, perdendosi in attività futili e diminuendo la possibilità di avere un sonno ristoratore
  • Confrontarsi con i colleghi: sia ad inizio che a fine turno, condividere la percezione personale è fondamentale per trovare un supporto reciproco
  • Mantenere le relazioni sociali: mai come ora è importante non isolarsi e mantenere le relazioni con i propri cari, attraverso tutti i device digitali che abbiamo disposizione

Nel caso in cui queste strategie non sortissero effetti positivi o la situazione dovesse peggiorare, ricordiamo che numerose Azienda Sanitarie hanno messo a disposizione, a titolo gratuito, un pool di psicologi preparati ad assistere il personale sanitario in questo delicato momento.

Ritorna al sommario del dossier Burnout

Psicologo
Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)