Nurse24.it

Dolore

Parlando attraverso il dolore

di Redazione

    Successivo

Non è raro che chi soffre di dolore cronico incontri scetticismo riguardo a ciò che sta vivendo. Bisogna accettare che il dolore del paziente è reale e che tutto il dolore viene sperimentato dal corpo e dalla mente senza mai sottovalutare la cosa. Problemi di salute mentale come la depressione, l'ansia e la dipendenza possono anche causare o aumentare il dolore fisico. Coloro che soffrono di dolore cronico hanno spesso un disperato bisogno di aiuto, ma in molti casi i trattamenti con farmaci da prescrizione o la chirurgia possono essere inefficaci o indesiderabili.

Dolore cronico e terapia cognitivo-comportamentale

Il dolore cronico può minare la qualità della vita della persona

Si possono insegnare al paziente esercizi di rilassamento come il rilassamento muscolare progressivo. Nel dolore, l'inclinazione naturale del corpo è contrarre i muscoli. A lungo termine, questo riduce il flusso di sangue nell'area dolorosa e rallenta il processo di guarigione. I muscoli contratti possono essere una fonte diretta di dolore.

Engstrom, psicologo della salute americano che lavora in centri di cura integrati, ha iniziato ad utilizzare il biofeedback per promuovere un ulteriore rilassamento. Nelle sessioni di biofeedback, i sensori sono collegati al corpo e ad un dispositivo di monitoraggio che misura le funzioni corporee come la respirazione, la temperatura corporea, la pressione arteriosa, la tensione muscolare e il battito cardiaco.

Quando ti rilassi, schiarisci la mente e respira profondamente, la respirazione rallenta e la frequenza cardiaca scende di conseguenza, spiega Engstrom. Quando i segnali cambiano sui monitor, inizi a imparare come controllare coscientemente le funzioni del corpo che sono normalmente inconsce. Per molti pazienti, questo senso di controllo può essere un'esperienza potente e liberatoria.

Engstrom ha impiegato anche metodi di terapia cognitivo-comportamentale, tra cui quello di chiedere al paziente di tenere un diario giornaliero che registri il suo livello di dolore in diversi momenti della giornata, insieme alla sua attività e al suo umore. Attraverso il diario, l'uomo ha iniziato a riconoscere che il suo livello di dolore non era costante; al contrario variato ed è stato influenzato da ciò che stava facendo e pensando in quel momento.

Engstrom consiglia vivamente la terapia cognitivo-comportamentale per il trattamento del dolore, perché aiuta a fornire sollievo dal dolore in diversi modi. In primo luogo, cambia il modo in cui le persone vedono il loro dolore, dice. Può cambiare i pensieri, le emozioni e i comportamenti legati al dolore, migliorare le strategie di coping e mettere il disagio in un contesto migliore. Riconosci che il dolore interferisce meno con la qualità della tua vita e, quindi, puoi funzionare meglio.

Il dolore cronico spesso genera un senso di impotenza tra coloro che lo provano, quindi la terapia cognitivo-comportamentale aiuta anche a produrre una mentalità che risolve i problemi. Quando i pazienti agiscono, in genere si sentono più padroni del proprio dolore. La TCC promuove anche nuove abilità di coping, fornendo ai pazienti strumenti che possono usare in altre parti della loro vita

La tattica che un paziente impara per il controllo del dolore può aiutare con altri problemi che potrebbero incontrare in futuro, come depressione, ansia o stress

Perché i pazienti possano impegnarsi in esercizi cognitivi comportamentali da soli, promuove anche un senso di autonomia. Engstrom offre spesso ai pazienti fogli di lavoro o capitoli di libri da recensire a casa, permettendo loro di esercitarsi a controllare il proprio dolore in modo indipendente.

Engstrom osserva che la TCC può modificare la risposta fisica nel cervello che peggiora il dolore. Il dolore causa stress, e lo stress colpisce le sostanze chimiche che controllano il dolore nel cervello, come la norepinefrina e la serotonina, spiega. Riducendo l'eccitazione che colpisce queste sostanze chimiche, le naturali risposte di sollievo dal dolore del corpo possono diventare più potenti.

Sebbene Engstrom riconosca di non poter bandire completamente il disagio provato dal suo paziente, è stato in grado di ridurre sia la sensazione che la percezione del dolore dell'uomo e gli ha dato gli strumenti per gestirlo al meglio.

Togliendo il potere del dolore

La consapevolezza è un altro potente strumento per ridurre la percezione del dolore, afferma Russ Curtis, consulente professionista. La consapevolezza insegna l'arte della consapevolezza senza giudizio, il che significa che siamo consapevoli dei nostri pensieri e sentimenti, ma possiamo scegliere quelli su cui ci concentriamo, continua Curtis. Dà un esempio di come un paziente possa imparare a considerare il dolore: Questo è dolore. Il dolore è una sensazione. E le sensazioni tendono a fluire e fluire e possono eventualmente ridursi, anche se solo per un po’. Respirerò e tornerò a fare ciò che è significativo per me.

Engstrom è d'accordo. A differenza dei tradizionali antidolorifici, la consapevolezza non ha lo scopo di attenuare o eliminare il dolore. Invece, quando si gestisce il dolore attraverso l'uso di pratiche basate sulla consapevolezza, l'obiettivo è quello di cambiare la percezione del dolore da parte dei clienti in modo che essi soffrano meno, spiega.

La sofferenza non è sempre legata al dolore, continua Engstrom. Un grande enigma irrisolto è come alcuni pazienti possano tollerare una grande quantità di dolore senza soffrire, mentre altri soffrono con gradi di dolore relativamente più piccoli.

Secondo Engstrom, il modo in cui le persone sperimentano il dolore è correlato non solo alla sua intensità, ma anche ad altre variabili. Alcune di queste variabili includono:

  • Stato emotivo: "Sono arrabbiato perché mi sento così"
  • Credenze sul dolore: "Questo dolore significa che c'è qualcosa di veramente sbagliato in me”
  • Aspettative: "Questi antidolorifici non funzioneranno"
  • Ambiente: "Non ho nessuno con cui parlare di come mi sento"

Aiutando le persone a separare la sensazione fisica del dolore dagli altri fattori meno tangibili, la consapevolezza può ridurre la sofferenza associata al dolore, anche se non è possibile ridurre la sua gravità.

La consapevolezza può anche migliorare l'esperienza psicologica del dolore attraverso:

  • Riduzione del pensiero ripetitivo e della reattività
  • Aumentare il senso di accettazione di sensazioni spiacevoli
  • Migliorare la flessibilità emotiva
  • Ridurre ruminazione e comportamenti evitanti
  • Aumentare il senso di accettazione del momento presente
  • Aumentare la risposta al rilassamento e diminuire lo stress

Curtis, professore associato di counseling presso la Western Carolina University nel North Carolina, suggerisce l'accettazione e l'impegno terapia come un'altra tecnica per aiutare l'attenzione dei pazienti lontano dal loro dolore. L'accettazione e l'impegno terapia può aiutare le persone a rivedere quali sono i loro veri valori.

Quindi incoraggiare i pazienti a identificare e perseguire ciò che è più importante per loro aiuta a garantire che, nonostante il dolore che provano, sono ancora coinvolti in cose che danno significato alla loro vita e non aspettano una cura prima di andare avanti.

Articolo a cura di Emanuel Gjoka, infermiere

Ritorna al sommario del dossier Dolore

Commento (0)