Nurse24.it

Ricerca

Effetti anestesia su delirium post operatorio, il RAGA Trial

di Daniela Berardinelli

Sala Operatoria

    Precedente Successivo

Quanto l’anestesia può incidere sull’insorgenza di delirium post intervento di chirurgia dell’anca? Uno studio pragmatico randomizzato, multicentrico, condotto su 950 pazienti in Cina, afferenti da 9 ospedali universitari, non ha dimostrato differenze nell’insorgenza del disturbo post operatorio, che si è verificato in 29 pazienti (6.2%) sottoposti ad anestesia regionale senza sedazione e in 24 (5,1%) ad anestesia generale, dopo un intervento di frattura dell’anca. Lo studio - il RAGA trial - è stato pubblicato sulla rivista JAMA e ha raccolto dati per 4 anni, dal 2014 al 2018, su pazienti ricoverati che dovevano essere sottoposti ad intervento chirurgico per frattura dell’anca, di cui 476 sottoposti ad anestesia regionale e 474 ad anestesia generale.

Relazione tra anestesia e insorgenza di delirium post operatorio

Il delirium post operatorio è una sindrome neuropsichiatrica associata ad una elevata mortalità, morbilità ed è causa di un aumento dei costi ospedalieri. Questa condizione patologica si verifica frequentemente negli anziani sottoposti a chirurgia dell’anca e i fattori predisponenti sono:

  • l’età
  • il decadimento cognitivo
  • la fragilità
  • la presenza di altre comorbidità

I fattori che possono scatenare il delirio sono invece:

I farmaci anestetici sono stati associati all’insorgenza di delirium anche se il meccanismo sottostante non è ancora completamente noto. In letteratura la relazione tra anestesia e insorgenza di delirium è ancora dibattuta, anche se alcune revisioni sistematiche e metanalisi, pubblicate dal BMJ e dalla Cochrane, non hanno evidenziato differenze significative tra un trattamento e l’altro, post intervento ortopedico, sullo sviluppo della sindrome.

Questo studio ha arruolato pazienti sopra i 65 anni e diagnosticato l’insorgenza di delirium tramite la scala CAM (Confusion Assessment Method), che prevede la valutazione di 4 item:

  1. insorgenza acuta e andamento fluttuante
  2. presenza di disattenzione
  3. pensiero disorganizzato
  4. alterazione del livello di coscienza

La CAM è da considerarsi positiva per delirium se sono presenti i primi due fattori elencati, con in aggiunta almeno uno degli ultimi due. Ai pazienti reclutati è inoltre stata eseguita una valutazione della funzionalità cognitiva, prima dell’intervento, attraverso il Mini Mental State Examination.

La valutazione della comparsa di delirium si è svolta nei primi 7 giorni post intervento non riscontrando differenze nemmeno nella ricorrenza di episodi multipli di delirium, che si è rilevata simile nei due gruppi (13 pazienti -2,8% con anestesia regionale e 14 -3% con anestesia generale). Inoltre non sono state osservate diversità rilevanti né sulla gravità del delirio, né nella durata di ospedalizzazione o severità del dolore percepito. I dati sono stati analizzati tenendo in considerazione tutti i possibili fattori confondenti (a garanzia di una maggiore qualità) come:

  • età
  • presenza di delirium preoperatorio
  • demenza preesistente
  • centro di ricovero

non mostrando differenze significative nel numero di episodi, nella tipologia e gravità del delirium, e nella mortalità dei pazienti a 30 giorni.

L’anestesia regionale non sembra quindi ridurre l’insorgenza di delirium post operatorio rispetto a quella generale negli interventi di frattura dell’anca e, ad oggi, questo è il più grande studio condotto a riguardo.

Ritorna al sommario del dossier Sala Operatoria

NurseReporter
scopri i vantaggi della convenzione

Commento (0)