Nurse24.it
scopri i master dell'Università Telematica Pegaso in convenzione con Nurse24

Pubblico Impiego

Congedo di maternità post parto, le novità dalla LdB 2019

di Corradino Ignelzi

Pubblico Impiego

    Successivo

Lavorare fino al giorno presunto del parto e fruire del congedo di maternità obbligatoria nei cinque mesi successivi al parto (qualora l’ambiente lavorativo e le condizioni fisiche della madre e del bambino lo permettano). È la novità introdotta dalla legge di bilancio 2019, che – ad oggi – è in attesa di una specifica definitiva dell’INPS che ne ufficializzi l’introduzione.

Maternità sempre più flessibile, le novità dalla legge di bilancio 2019

Alle lavoratrici dipendenti, collaboratrici e lavoratrici autonome, lavoratrici a domicilio, socie lavoratrici di cooperative e disoccupate è riconosciuto un periodo di astensione obbligatoria dal lavoro durante la gravidanza e il puerperio per la durata di cinque mesi e nel caso in cui la madre sia impossibilitata a beneficiare di tale diritto quest’ultimo si estende al padre.

La lavoratrice percepisce un’indennità economica in sostituzione della retribuzione. L’astensione e l’indennità economica si estendono anche in caso di adozione o affido di minori. Tali diritti sono sanciti dal Testo Unico sulla maternità e paternità del 26 marzo 2001, n. 151 e dalla legge nota come “Jobs act” del 22 maggio 2017, n. 81.

Un’importante novità è stata introdotta con la legge di bilancio 2019 che, col comma 1.1 all’art.16 del T.U., riconosce alla lavoratrice la possibilità di lavorare fino al giorno presunto del parto e fruire del congedo di maternità obbligatoria nei cinque mesi successivi al parto. A tutt’oggi questa novità per essere operativa attende una specifica dell’INPS che ne ufficializzi l’introduzione.

In questo modo ogni lavoratrice gravida potrà scegliere, compatibilmente con gli obblighi e i divieti previsti dalla legge, di usufruire del congedo più idoneo alle proprie esigenze:

  • 2 mesi prima della data presunta del parto + 3 mesi dopo il parto (o dalla data presunta del parto in caso di parto pretermine);
  • 1 mese prima della data presunta del parto + 4 mesi dopo il parto (o dalla data presunta del parto in caso di parto pretermine);
  • fino alla data presunta del parto e 5 mesi dopo il parto (o dalla data presunta del parto in caso di parto pretermine).

Ritorna al sommario del dossier Pubblico Impiego

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)