Nurse24.it
scopri i vantaggi della convenzione

Pubblico Impiego

Permessi retribuiti, ecco cosa spetta al dipendente pubblico

di Chiara Vannini

Pubblico Impiego

    Precedente Successivo

I permessi retribuiti sono quei giorni di assenza dal lavoro imputabili a eventi particolari per i quali è prevista la corresponsione della normale retribuzione. La richiesta di questi permessi rappresenta un diritto soggettivo del dipendente, che si manifesta nel momento in cui ricorrono le circostanze che lo legittimano. Di conseguenza, quando richiesti, i permessi devono essere concessi, con l’obbligo, per l’amministrazione, di accertare che il fatto che abbia dato luogo alla richiesta si sia effettivamente verificato e, per il lavoratore, di produrre la necessaria documentazione.

Ccnl sanità e i permessi retribuiti del dipendente pubblico

I permessi retribuiti sono concessi ai dipendenti a tempo indeterminato. Sono concessi anche ai dipendenti a tempo determinato, ma in misura proporzionale rispetto alla durata del loro contratto di lavoro.

Il dipendente ha diritto, ogni anno, a:

  • 8 giornate per concorsi o esami, anche on line, purché connessi con l’attività di servizio (occorre allegare la documentazione relativa alla richiesta)
  • 3 giorni per lutto (per ogni evento luttuoso), da fruire entro 7 giorni dall’evento (occorre allegare la un’autocertificazione relativa alla richiesta), per: parenti entro il secondo grado (genitori, figli, nonni, nipoti, fratelli/sorelle); affini entro il primo grado (suocero, genero); convivente (anche unioni civili e/o patto di convivenza)
  • 15 giorni consecutivi in occasione del matrimonio, da fruire entro 45 giorni dal matrimonio stesso. In casi straordinari, qualora non sia possibile fruirli entro 45 giorni, il dipendente ne può fruire entro 12 mesi dal matrimonio (occorre allegare la documentazione relativa alla richiesta)
  • Permesso per donazione di sangue o midollo osseo, anche più volte nel corso dell’anno (occorre allegare la documentazione relativa alla richiesta)
  • 18 ore (o 3 giorni) di permessi per motivi personali o famigliari, da fruire senza presentare la documentazione o la giustificazione
  • 3 giorni al mese per Legge 104 per prestare assistenza a famigliari con disabilità, di cui ne possono fruire solamente i dipendenti che ne hanno diritto

Assenze per visite, terapie, prestazioni specialistiche o esami diagnostici

Il dipendente ha diritto a 18 ore all’anno per visite specialistiche, esami o prestazioni. I permessi sono retribuiti.

I permessi:

  • Non possono essere fruiti nello stesso giorno insieme ad altre tipologie di permesso, tranne che per permessi per L.104
  • In caso di tempo parziale (part–time) i permessi sono riproporzionati sulla base della percentuale del part–time
  • La richiesta di permesso deve essere fatta almeno 3 giorni prima o in caso di urgenza o necessità, almeno 24 ore prima, non oltre l’inizio dell’orario di lavoro
  • L’assenza deve essere giustificata attraverso la documentazione rilasciata dalla struttura in cui è stata effettuata la prestazione
  • Nel caso di controllo medico al domicilio, l’assenza dalla reperibilità deve essere giustificata attraverso l’attestato
  • Nel caso in cui il dipendente necessiti di sottoporsi periodicamente a terapie è sufficiente un’unica certificazione del curante che certifica la necessità di trattamenti ricorrenti. A questa devono seguire le singole attestazioni di presenza nelle giornate in cui è prevista la terapia

Permessi orari a recupero

Il dipendente, su richiesta, può assentarsi dal lavoro con l’autorizzazione del responsabile. Il permesso non può superare come durata la metà del turno di lavoro e i permessi sono al massimo 36 ore all’anno.

La richiesta di permesso deve essere effettuata in tempo utile e non oltre un’ora dall’entrata in servizio, tranne in casi di urgenza. Il dipendente deve recuperare le ore non lavorate entro i due mesi successivi e, in caso contrario, andrà incontro a decurtazione della retribuzione.

Ritorna al sommario del dossier Pubblico Impiego

NurseReporter

Commenti (5)

Doriana8292

Avatar de l'utilisateur

1 commenti

Permesso giornaliero per sostenere l'esame universitario

#5

Buongiorno, un nuovo dipendente può richiedere il permesso giornaliero per sostenere un esame o dovrà maturarli prima tali permessi?
Grazie anticipatamente

GiPi

Avatar de l'utilisateur

1 commenti

Permesso negato

#4

Il datore di lavoro può negare un permesso per la partecipazione ad un concorso pubblico?

Chiara Vannini

Avatar de l'utilisateur

9 commenti

CONGEDO CONCORSI

#3

VALECRISA,
la risposta è No.
se vuoi fruire al congedo devi necessariamente essere di riposo dal lavoro. Il permesso è fruibile a giornata, (ti verranno conteggiate 6 ore o 7 h12 min a seconda di dove lavori).

valecrisa

Avatar de l'utilisateur

2 commenti

Congedo concorsi

#2

Salve, il congedo per partecipare ad un concorso è fruibile anche se il giorno in cui si svolge la prova era previsto come turno la notte?

Grazie, saluti.

Tatyanapevzner

Avatar de l'utilisateur

1 commenti

Straniera

#1

Egregio.
Sono infermiera Israeliana. Ancora non ho esperienza lavorativa.
Gradirei receivere informazioni sull permesso di lavoro.
Se la infermieristica Israeliana riconosciuta qua? Qual è il livello di lingua italiana devo avere?
Cordiali saluti,
Tatyana Pevzner