Nurse24.it
scopri i master dell'Università Telematica Pegaso in convenzione con Nurse24

lavoro

Visita di idoneità al lavoro, come e quando si fa

di Chiara Vannini

Pubblico Impiego

    Successivo

La visita di idoneità viene effettuata per valutare la presenza o l’eventuale assenza dei requisiti necessari affinché il dipendente possa lavorare in sicurezza e in condizioni di benessere psico-fisico. Preliminari alla visita di idoneità sono una serie di esami ematici di laboratorio; inoltre il medico competente può richiedere, a sua discrezione, di effettuare esami o accertamenti aggiuntivi qualora lo ritenga necessario.

Cos'è la visita di idoneità e quando si effettua

Il medico di medicina del lavoro dell'azienda o dell'ente effettua visite mediche o richiede accertamenti a tutti i dipendenti (infermieri, Oss, amministrativi, ecc.) al momento dell'assunzione o periodicamente nel corso della vita lavorativa.

Si tratta di una visita d'idoneità atta a valutare la presenza o meno dei requisiti per poter lavorare in sicurezza e in condizioni di benessere psico-fisico.

Di norma, poco prima di sottoporsi alla visita viene richiesto al dipendente di eseguire alcuni esami ematici; questi comprendono esami di routine (emocromo, biochimica), ma anche esami sulla virologia (HBV, HCV).

Possono essere richiesti i titoli anticorpali delle più frequenti malattie esantematiche (rosolia, varicella, ecc.) ed eventualmente il test della Mantoux o in alternativa il dosaggio del quantiferon (per diagnosticare la malattia da TBC o identificare un eventuale contatto).

Una volta effettuati gli esami, ci si reca dal medico competente che oltre a controllare gli esami ematici, effettua una visita dettagliata (controlla i parametri vitali, ausculta il torace, effettua un esame obiettivo).

Qualora il dipendente abbia problemi di salute, è utile portare la documentazione personale per farla visionare nel corso della visita. Il medico competente può richiedere, a sua discrezione, di effettuare esami o accertamenti aggiuntivi qualora lo ritenga necessario.

Al termine della visita, il medico compila il referto, nel quale viene indicato innanzitutto se il dipendente è o meno in buona salute ed è quindi idoneo al lavoro.

Ritorna al sommario del dossier Pubblico Impiego

NurseReporter

Commento (0)