Pubblico Impiego

Pensioni, salvi gli infermieri con turni di notte

di Redazione

    Successivo

Resta l’innalzamento dell’età pensionabile a 67 anni a partire dal 2019 (5 mesi in più rispetto ad oggi). E restano le 15 categorie di lavoratori, tra cui gli infermieri che fanno turni notturni, che si salveranno e potranno continuare ad andare in pensione con lo sconto dei cinque mesi. È il risultato dal tavolo di ieri sera tra il presidente del consiglio Paolo Gentiloni e i sindacati.

Pensioni, il tavolo tra Gentiloni e i sindacati

paolo gentiloni

Il premier Paolo Gentiloni

Per usufruire dello sconto di cinque mesi sulla pensione gli infermieri che fanno turni di notte dovranno avere almeno 30 anni di contributi ed essere stati occupati in mansioni gravose per almeno sette degli ultimi dieci anni.

Intanto, ieri il governo ha messo sul piatto 300 milioni di euro per le pensioni. Ma i sindacati non sono affatto convinti. O meglio la Cisl ci sta, la Uil più no che sì e la Cgil proprio per niente. Altro appuntamento sabato prossimo.

Ritorna al sommario del dossier Pubblico Impiego

Commento (0)