Nurse24.it
scopri i master dell'Università Telematica Pegaso in convenzione con Nurse24

Pubblico Impiego

Malattia, la nuova direttiva Inps

di Chiara Vannini

Pubblico Impiego

    Successivo

È stata pubblicata nei giorni scorsi la nuova direttiva nazionale INPS riguardante la malattia. Sebbene il documento non riporti grandi novità, chiarisce comunque alcuni importanti aspetti utili ai lavoratori pubblici e privati: come funziona il certificato di malattia, com'è regolata la visita del medico del lavoro e quali sono le fasce di reperibilità.

Certificato di malattia, come funziona

In caso di malattia occorre recarsi dal medico curante per farsi redigere il certificato.

Il medico da cui si viene visitati provvede ad inviare telematicamente il certificato di malattia. È importante prendere sempre nota del numero di protocollo del certificato (PUC).

Prima di inviare il certificato, l'interessato deve controllare i suoi dati, onde evitare che non gli venga riconosciuta la malattia ed in particolare i dati anagrafici e l'indirizzo di reperibilità durante la malattia.

È anche necessario verificare che il certificato sia stato correttamente trasmesso, entrando sul sito dell'INPS nei servizi online con le proprie credenziali e verificare il certificato di malattia.

La trasmissione del certificato telematico esonera il dipendente dall'invio del certificato stesso al datore di lavoro, sia esso pubblico o privato.

Se la malattia inizia in un giorno festivo o prefestivo occorre recarsi dalla guardia medica. Se ci si reca invece in Pronto soccorso è necessario che il medico che esegue la visita rilasci il certificato che attesta il periodo di degenza e la prognosi.

Se la struttura ospedaliera non è in grado di inviare il certificato per via telematica, è necessario che consegni all'interessato un referto cartaceo che deve contenere:

documentazione file
  • dati anagrafici
  • codice fiscale
  • diagnosi
  • data di inizio malattia
  • data di rilascio del certificato
  • data di presunta fine malattia
  • residenza
  • domicilio di reperibilità

La malattia inizia dal giorno in cui ci si reca dal curante e non può giustificare i giorni precendenti.

Nel caso di cure ricorrenti (es. emodialisi, chemioterapia) è possibile evitare di inviare un nuovo certificato ogni volta, ma inviare un'unica certificazione in cui devono però essere elencate le giornate dei trattamenti e, al termine dei giorni, il dipendente deve produrre una certificazione che attesta l'avvenuta terapia nelle giornate precedentemente dichiarate.

Visita del medico del lavoro

La visita medica di controllo viene inviata o dall'INPS o su richiesta del datore di lavoro. Sul campanello deve essere presente il nominativo del dipendente.

Fasce di reperibilità

La visita può essere effettuata tutti i giorni, feriali e festivi.

Dipendente privato Dipendente pubblico

10.00 - 12.00

17.00 - 19.00

9.00 - 13. 00

15.00 - 18.00

Si può assentare solo in caso di:
  • visite mediche urgenti che non possono essere effettuate in altre fasce orarie
  • gravi motivi famigliari
  • cause di forza maggiore
Il dipendente è esonerato dalla reperibilità in caso di:
  • patologie gravi che richiedono terapie salvavita
  • causa di servizio che abbia dato luogo alla menomazione
  • patologie connesse alla situazione di invalidità > 67%

Per la malattia professionale e gli infortuni non è prevista la visita fiscale. Se il dipendente non è presente al momento della visita, gli verrà consegnato un avviso con cui gli viene richiesto di presentarsi negli ambulatori dell'INPS territoriale. Se nel giorno della visita la malattia è terminata, non si ha l'obbligo di presentarsi, ma occorre comunque comunicarlo all'INPS.

In ogni caso è sempre necessario presentare un giustificativo per l'assenza, per non incorrere in azioni disciplinari da parte del datore di lavoro e trattenuta dell'indennità economica di malattia.

Variazione dell'indirizzo di reperibilità

Dipendente privato Dipendente pubblico
La variazione va comunicata utilizzando il sito dell'INPS, avvisando il datore di lavoro La variazione va comunicata al datore di lavoro, che a sua volta avviserà l'INPS

Ritorna al sommario del dossier Pubblico Impiego

NurseReporter
Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)